La Compagnia Piano 13 ha scelto Le Carrozzerie n.o.t. per portare in scena Una camicia al contrario, testo scritto e diretto da Laura Giannatiempo.

Il palco diventa uno spazio irrazionale nel quale si annidano le frustrazioni e le nevrosi di due donne (Irene Maiorino e Ania Rizzi Bogdan ) e di un amore arrivato al capolinea. L’azione è un continuo alternarsi di presente e passato e le protagoniste sembrano imprigionate in una relazione che non lascia spazio al futuro. Muoversi sul terreno accidentato della memoria diventa difficile, così come lo è vivere una quotidianità in cui si respira solitudine. Lo spazio scenico si trasforma in un ring sul quale si scontrano l’inquietudine e la sensibilità conflittuale dell’essere umano e dell’essere donna. Una voce narrante (Laura Giannatiempo) interviene nei momenti più salienti e diventa arbitro di questo scontro. I corpi vengono mostrati nella loro vulnerabilità, si spogliano di illusioni per indossarne altre, o almeno ci provano. I flashback si susseguono uno dopo l’altro fino a costituire una sequenza di punti attraverso i quali la consapevolezza prende forma. Il passato, a questo punto, va letteralmente in fumo, una sigaretta dopo l’altra. Laura Giannatiempo in questo testo traccia i contorni di una patologica dipendenza emotiva e della progressiva metamorfosi che l’amore subisce nel corso della sua esistenza.

‘Una camicia al contrario’ è una esortazione a rivolgere lo sguardo al dolore urlato e al disagio esistenziale favorendo, a modo suo, un ritorno ai sentimenti forti e al risveglio delle coscienze ferite. Una schiettezza dei toni, dal linguaggio colorito all’aggressività, che ricorda il teatro di Sarah Kane e di Mark Ravenhill. Una versione senza dubbio più tiepida del teatro in-yer-face, ma che ha a che fare con la forza di turbamento tipica delle emozioni estreme.

Lo spettacolo replicherà lunedì 16 febbraio alle ore 21 al Fanfulla 5/a Circolo Arci, Roma.

La galleria fotografica è a cura di Maurizio Fascetti

 

Una camicia al contrario
di Laura Giannatiempo

con Irene Maiorino, Ania Rizzi Bogdan e Laura Giannatiempo
Aiuto Regia Barbara Giannatiempo
Sound Design Yva & the Toy George

Visual design Anna Terra
Tecnico luci Gabriele Correddu

  • Articoli
Chi sono
Collaboratrice , La Nouvelle Vague Magazine
Fabiana Errico si laurea in lingue e letterature straniere a Roma. Coltiva la passione per la lettura, la traduzione e il teatro. Appena può cerca di scappare dal caos cittadino purché ci sia un buon libro e i suoi gatti a farle compagnia.
×
Collaboratrice , La Nouvelle Vague Magazine
Fabiana Errico si laurea in lingue e letterature straniere a Roma. Coltiva la passione per la lettura, la traduzione e il teatro. Appena può cerca di scappare dal caos cittadino purché ci sia un buon libro e i suoi gatti a farle compagnia.
Latest Posts
  • Ricettario patafisico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.