La Nouvelle Vague Magazine all’Expo a tre mesi dall’inaugurazione e a tre mesi dalla chiusura. Giusto nel mezzo. Sicuramente ne avrete lette di storie, di recensioni, di pareri. Si ma non quella de La Nouvelle Vague.

Volutamente siamo andati a visitare l’Expo in questo periodo, per evitare le orde degli studenti di maggio, per evitare le imperfezioni organizzative e strutturali delle prime settimane, per evitare di trovare padiglioni semi completi o addirittura non aperti.

La Nouvelle Vague Magazine all’Expo, perché l’Expo è cultura. Cultura dei popoli, cultura del cibo. L’Expo è un giro del mondo da fare, se si può, almeno in due o tre giorni. Uno non basta. Troppo da vedere e tutto, tutto interessante. No anche noi non abbiamo visto (ancora) tutto. E’ molto difficile riuscirci a causa delle lunghe file di attesa per entrare nei padiglioni (in quello del Giappone si attende dai 60 ai 90 minuti per poi effettuare una visita di 50 minuti…), a causa della vastità del sito, e ovviamente, a causa di tutte le cose interessanti che ogni singolo padiglione propone e per cui vale sempre la pena soffermarsi a lungo. E questo siano essi tecnologici o espositivi. Si perché i padiglioni dell’Expo si dividono proprio in due fazioni. Chi ha scelto di puntare tutto sulla tecnologia (come Giappone, Germania, Emirati Arabi, Cina, Stati Uniti – tra i più visitati), dove il dispiego di immagini computerizzate, giochi di luce, proiezioni, diavolerie tecnologiche si sprecano come in un parco giochi. Chi ha scelto invece di mostrare davvero i propri prodotti o illustrare la propria tradizione alimentare come il Bahrain con il suo giardino di piante che stanno davvero dando frutti. L’Austria con il suo splendido e freschissimo bosco; le coltivazioni iraniane, i semi e le spezie dell’Indonesia; il grano e i distillati della Russia; la pesca dell’Oman;  il tempio buddista del Nepal, ora finalmente completato, con i suoi intarsi realizzati manualmente da pazienti artigiani nepalesi.

E disseminati a volte in posizioni purtroppo defilate, ai margini del decumano (il viale principale che attraversa il sito espositivo su cui si affacciano i grandi padiglioni), i cluster, zone tematiche collettori di varie nazioni che producono lo stesso tipo di prodotto (riso, caffè, spezie, cioccolato), altrettanto interessanti, ognuno con la sua storia, la sua tradizione e anche i suoi costumi.

Come direbbe Jovanotti, l’Expo è proprio l’ombelico del mondo…dove si trovano razze strane di una bellezza un po’ disarmante. Un vero e proprio giro del mondo fatto di colore di pelle differente, di tratti somatici opposti, di ideologie contrapposte. Dove puoi trovare la vitalità del colorato e caotico padiglione Olandese  fatto di formaggi, piccola ruota panoramica, musica a palla (dalle 19 è i padiglione più vivo e preso d’assalto grazie al suo vario e colorato street food) di fianco al piccolo ma sacro e significativo padiglione del Vaticano con esposto un prezioso arazzo di Rubens e il tavolo virtuale dell’operosità e della convivialità. Volti bellissimi come quello dei ragazzi dell’Indonesia, del personale russo; volti cordiali e gentili come quello dei popoli asiatici;  volti allegri come quelli tedeschi, volti segnati dal sole e dal deserto come quelli iraniani.

E in tutti questi volti, in tutti questi padiglioni, cluster, chioschi, c’è la volontà di contribuire, ognuno per quello che può, a fare in modo che questo mondo viva ancora per un po’ e che ancora a lungo possa dare quelle risorse necessarie a nutrire tutto il pianeta.

Questo è il vero Expo. L’Expo che ci è piaciuto, un via vai di persone diverse (tantissimi i visitatori stranieri in questi giorni), di idee diverse, di fermezza e serenità.

Vale la pena farci una visita. Vi resterà la voglia di tornarci e di andare a visitare i meravigliosi Paesi che avrete visto in poche centinaia di metri quadrati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.