Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta.

Kokocinski

L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore della Maschera: opere polimateriche come dipinti, sculture, poesie, filmati, installazioni si annidano negli spazi delle gallerie del Museo come abitanti di sei isole poetiche (L’ArenaPulcinella-Petruska-Sogno-Il Clown-Maschera Interiore) accompagnate da tre installazioni (Olocausto del Clown tragico, Non l’ho fatto apposta – con la partecipazione di Lina Sastri, e Sguardo al futuro nascente appositamente realizzata per questa esposizione).

 

Le opere sono esse stesse maschere, quasi tutte realizzate nella tradizionale cartapesta, colte nella loro essenza di medium tra fruitore e proprio intimo universo, che non vengono lasciate cadere se non nel momento dell’incontro del singolo con ogni opera, in un’esperienza privata e incondivisibile come di trasfigurazione e muto comprendersi.

Influenze nell’artista

Oltre a rappresentare il punto più alto della sua produzione artistica, la mostra Kokocinski. La Vita e la Maschera: da Pulcinella al Clown può considerarsi anche come una dinamica sintesi autobiografica a partire dall’influenza creativa di un’infanzia trascorsa tra Cile e Argentina assieme alla famiglia sfuggita ai regimi totalitari europei; i rimandi all’iconografia circense, dalla grottesca e malinconica figuratività, riportano ad un mondo che l’autore ha frequentato per molti anni in gioventù, mentre le sue origini polacche vengono intrecciate ai colori e agli ornamenti di alcune opere.

KokocinskiSu tutto un fortissimo legame figurativo con il mondo del teatro popolare napoletano, impersonato dalla serie dei molti Pulcinella, maschera per antonomasia giocosa e grottesca ma portatrice di una nuda, poetica dignità umana, suo malgrado in equilibrio come un funambolo sul filo della vita.

Il corpo dell’esposizione si estende nelle sale del Museo Archeologico, rarefacendosi e addensandosi quasi a voler suggerire un ritmo: forse la sublime bellezza delle collezioni permanenti del MANN ha offuscato un po’ l’impatto emotivo del percorso, che risulta quasi un contrappunto innestato sullo scorrere delle sale. Un sistema di indicazioni organico avrebbe potuto renderne più fluida la visita, senza incrinarne il messaggio e tracciandone un percorso di fruizione indipendente dal contesto.

 

“Rimane il segno del mio essere. Ogni stella è il suo testimone.”

Maschera Interiore

 

 

 

  • Articoli
Chi sono
Architetto con la passione per la scenografia e la musica, vorrebbe capirci un pò di più di arte contemporanea: nel frattempo visita musei e si pone delle domande. Classe 1980, pensa però di aver completamente mancato il decennio giusto, non sapendo ancora decidere quale sia. Ama salvare vecchi oggetti che chiunque altro butterebbe e conserva con devozione un vecchio biglietto del treno Genova-Lavagna, trovato nella tasca di una giacca di velluto verde vintage, fantasticando ogni volta sulla possibile storia che quel biglietto si porta dietro.
  • Kokocinski. La Vita e la Maschera: da Pulcinella al Clown

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Salone e Fuorisalone: Milano splende a metà

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Provocazioni e Corrispondenze. Franco Mello tra arti e design
    Provocazioni e Corrispondenze. Franco Mello tra arti e design

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Meraviglie e paradossi. Il design dello stupore al Plart
    Meraviglie e paradossi. Il design dello stupore al Plart

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Linea d’ombra : Elio Germano e Thurston Moore le star della XXI edizione

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Hugo Pratt
    50 anni di viaggi nel mito. Bologna celebra Hugo Pratt e Corto Maltese

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Ravello Festival, i contorni rarefatti della bellezza

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Magic Michael Jackson Day : a Napoli per festeggiare il re del pop

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Al Festival di Ravello l’ironia classica di Primal Matter di Dimitris Papaioannou

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

  • Premio Charlot, Bollani chiude tra gli applausi l’edizione 2016

    Fino al 5 Giugno 2017 nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli saranno esposte circa settanta opere dell’artista Alessandro Kokocinski, di origini polacche e nato in Italia alla fine degli anni Quaranta. L’allestimento, curato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e progettato da Panstudio Architetti Associati, si sviluppa seguendo il filo conduttore […]

×
Architetto con la passione per la scenografia e la musica, vorrebbe capirci un pò di più di arte contemporanea: nel frattempo visita musei e si pone delle domande. Classe 1980, pensa però di aver completamente mancato il decennio giusto, non sapendo ancora decidere quale sia. Ama salvare vecchi oggetti che chiunque altro butterebbe e conserva con devozione un vecchio biglietto del treno Genova-Lavagna, trovato nella tasca di una giacca di velluto verde vintage, fantasticando ogni volta sulla possibile storia che quel biglietto si porta dietro.
Latest Posts
  • Provocazioni e Corrispondenze. Franco Mello tra arti e design
  • Meraviglie e paradossi. Il design dello stupore al Plart

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.