Mi sono immaginato uno spettacolo teatrale da fare nei bar.
Delle serate di caos silenzioso.
Un concerto per sole chitarre, computer e parole. Come qualche anno fa, in tutta tranquillità.
Immaginavo di mischiare le canzoni di tre dischi così come sono state scritte in qualche stanza tra Ferrara e tantissimi altri posti.

Al Monk di Roma ieri sera sembrava di entrare in una stanza, con libri sparsi a terra il computer acceso e una chitarra in un angolo.

La stanza di Vasco Brondi (Le Luci Della Centrale Elettrica) che condivide con il suo pubblico un concerto di “caos silenzioso” di suoni rarefatti e di chitarre, acustiche o elettriche, distorte o pulite, maltrattate o accarezzate.
Da ascoltare a occhi chiusi, tutti insieme, respirando piano sui bit digitali di un computer, per un concerto “di grida e di silenzi”.

Piccolo miracolo che deve le sue luci all’accompagnamento di Andrea “Cabeki” Faccioli e alla sua “astronave” di suoni.

Le Luci Della Centrale Elettrica

Dopo il Tour di Costellazioni, ultimo disco di Le Luci Della Centrale Elettria, gridato su chitarre distorte e ritmiche elettroniche, le canzoni si mettono a nudo. Tornano ad essere quelle folli e lucide storie dei nostri anni zero riverberate da una chitarra acustica e tre accordi suonati con l’urgenza di chi ha davvero qualcosa da dire.

«Racconto storie provinciali e anche spaziali. Piccole storie illuminate dai pianeti e dalle costellazioni»

Le Luci Della Centrale Elettrica
Non è possibile che persino i ragazzini di sedici anni non abbiano fiducia nel futuro. La mia musica deve essere “illogica allegria”, come diceva Giorgio Gaber, e deve essere un anticorpo verso la mentalità negativa.
In fondo vorrei solo che le costellazioni facessero luce su questi tempi bui e su questo orizzonte poco chiaro che abbiamo davanti.

È su questa lucida analisi dei nostri tempi che suonano le canzoni di Vasco Brondi, sulla nebbia della pianura padana, sugli operai, sugli amori rotti dalle distanze e sulla noia della provincia. Sulla vita che ci accade nei bar, in piazza e sulle americhe a 40 km da casa.
Perchè è molto più complicato vedere il presente piuttosto che predire il futuro che artisti come Le Luci Della Centrale Elettrica sono necessari.

Le Luci Della Centrale Elettrica

Il suo è un incontro-spettacolo dove i selfies lasciano spazio alle parole, ricostruendo quel linguaggio, come avveniva in una certa letteratura, che spinge ad osservare e riflettere sul tempo e lo spazio che viviamo con una lentezza e profondità inaccessibile all’essere digitale.
Vasco Brondi arricchisce, difatti, le sue canzoni con letture di autori, poeti e lucidi sognatori come Pasolini e Fellini.

La canzone si fa cosi complice di un’intima ribellione.

Viviamo in periodi neri, spettacolari. Scorrono città, strade, pezzi di vita ed età differenti e Le Luci Della Centrale Elettrica sono la compagna di una generazione smarrita in un insieme di scontri e di feste.

Basterebbe raccogliersi per un attimo nella preghiera di Padre nostro dei satelliti per vedere i naufragi e i momenti irripetibili di questa nostra gioventù che forse resterà per l’eternità su Youtube.

Ed è cosi in maniera un po folle come la locandina del tour con la chitarra e il computer, che vede un astronauta impennare su di un Ciao, che salutiamo questo cantautore della nebbia felice da fare schifo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.