“Novecentismi” i padri dell’arte contemporanea incontrano i loro discendenti

1154

Nello spazio espositivo dello Stadio di Domiziano, fino al 5 Dicembre sarà ospitata la mostra “Novecentismi”, uno spaccato sull’arte contemporanea e sulle influenze dei suoi maestri.

A presenziare come padri del Novecento italiano sono chiamati Mario Sironi e Giuseppe Migneco, mentre per la generazione contemporanea i due talenti Stefano Puleo e Claudio Rolfi.

NovecentismiL’esposizione offre un viaggio attraverso epoche e modi di vivere l’arte diversi, ma allo stesso tempo complementari, poiché non si può comprendere pienamente il presente se non si conosce il passato. Questo è il filo conduttore che segue l’esposizione, aperta da Migneco e dalle figure dei suoi siciliani, i colori intensi definiscono i volumi dei corpi storpiati per riuscire a stare nelle dimensioni ridotte delle tele.

Il percorso prosegue, arrivando alle tele di Stefano Puleo. Classe ’50 anche lui siciliano come Migneco, li lega per l’amore per la loro terra, a tal punto da inserirla, letteralmente, nelle sue opere: al semplice colore, Stefano, unisce pigmenti rossi ricavati dalla terra dell’Etna per intensificare i toni. Sono i colori caldi a farla da padrone, stesi in campiture piatte riempiono i volumi puri che costruiscono i suoi soggetti.

Proseguendo attraverso quest’architettura superstite ci troviamo di fronte ad alcuni schizzi di Sironi, che già portano l’impronta inconfondibile della mano che li ha creati.

È lui l’antecedente di Claudio Rolfi. Classe ’60, si forma su tutto ciò che il Novecento racchiude, fino ad approdare ad uno stile personale che lui stesso definisce così: “cerco un’unica nota nei miei dipinti e non data solo dal fatto che il colore sia denominatore comune, ma soprattutto da una sorta di corrosione delle superfici che ricostruisco con toni e spazi velati”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.