Oscar 2017 con giallo : il miglior film è Moonlight. A La La Land 6 premi

1192

Doveva essere la grande notte di La La Land che, con il record di ben 14 nomination, si apprestava a far incetta di Premi Oscar ed invece … colpo di scena!

Moonlight di Barry Jenkins vince l’Oscar come miglior film dell’anno ma, per errore, Warren Beatty incaricato delle premiazione con Faye Dunaway per celebrare i cinquant’anni di “Bonnie&Clyde”, annuncia la vittoria di La La Land.

La correzione è avvenuta quando tutto il cast era già sul palco a ritirare l’ambito premio.

- Advertisement -

Ma La La Land non se ne va a mani vuote aggiudicandosi ben 6 premi (sulle 14 nomination) fra cui quello attesissimo di Miglior Attrice Protagonista ad Emma Stone. Come prevedibile invece Ryan Gosling si è dovuto inchinare a Casey Affleck come Miglior Attore Protagonista.

Nulla da fare per Fuocoammare, il documentario di Gianfranco Rosi sugli sbarchi dei migranti a Lampedusa.

Ma c’è comunque un premio anche per l’Italia a Los Angeles: il  premio per il miglior trucco va ad Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson per Suicide Squad.

È un grande onore ricevere questo premio per la seconda volta, ringrazio i membri dell’Academy, la troupe, il produttore Amazon e gli altri candidati nella stessa categoria

con queste parole, il regista iraniano Asghar Farhadi ha accolto il suo Oscar «annunciato» per il miglior film straniero a Il Cliente.

Come previsto, Farhadi non si è presentato al Dolby Theatre a ritirare il premio, e ha affidato a una lettera la sua protesta.

Mi dispiace non essere con voi ma la mia assenza è una forma di rispetto verso i miei concittadini e i cittadini di altre sei nazioni colpite da una legge disumana che ha impedito l’ingresso negli Stati Uniti agli stranieri . Dividere il mondo fra noi e i “nemici” crea soltanto paure e una giustificazione ingannevole alle aggressioni e alla guerra. Il cinema ha però la possibilità di catturare le qualità umane e rompere gli stereotipi, creando quell’empatia tra noi e gli altri che oggi ci serve più che mai

In memoriam

Come spesso accade il momento più commovente della serata è stato il momento In Memoriam presentato da Jennifer Aniston che, ricordando la scomparsa di Bill Paxton proprio il giorno prima, non è riuscita a trattenere le lacrime.

Applausi anche per tutti gli altri citati : Anton Yelchin, Garry Marshall, Mary Tyler Moore, Prince, John Hurt, Nancy Reagan, Debbie Reynolds, Carrie Fisher.

E non sono certo mancati gli applausi scroscianti, con inevitabile standing ovation, per Michael J. Fox salito sul palco con Seth Rogen ucendo direttamente dalla DeLorean di Ritorno al Futuro per presentare l’Oscar al miglior montaggio, vinto poi da Hacksaw Ridge.

Il presentatore, Jimmy Kimmel

A presentare la serata ci ha pensato Jimmy Kimmel, che nel monologo d’apertura ringrazia Trump perché, grazie a lui,

gli Oscar non sono più razzisti.

Le battute di tutta la serata sono praticamente incentrate sul neo presidente Trump e non potrebbe essere diversamente visto il clima ostile nei suoi confronti che si è creato dalle parti di Hollywood.

Citando una delle battute migliori (o peggiori a seconda da che parte la si guardi) di Trump, Kimmel ha invitato la platea ad applaudire la  «sopravvalutata» Meryl Streep facendo scattare l’immediata, ed ennesima, standing ovation.

Non pienamente soddisfatto, Kimmel ha anche twittato in diretta al presidente chiedendogli se fosse sveglio e dicendogli che la Streep lo salutava calorosamente.

L’apertura della cerimonia è stata affidata a Justin Timberlake, sulle note di Can’t Stop Feeling riuscendo  a far ballare l’intero Dolby Theatre. E, proprio per non farsi mancare nulla, con bacio finale alla moglie Jessica Biel.

Ecco tutti i vincitori

  • Miglior film –  Moonlight, Dede Gardner, Adele Romanski, Jeremy Kleiner Moonlight
  • Miglior attore – Casey Affleck, Manchester by the Sea
  • Miglior attrice – Emma Stone, La La Land
  • Miglior regista – Damien Chazelle, La La Land
  • Miglior attrice non protagonista – Viola Davis, Barriere
  • Miglior attore non protagonista – Mahershala Ali, Moonlight
  • Miglior film straniero – Il cliente,  Asghar Farhadi
  • Miglior film d’animazione – Zootropolis, Byron Howard, Rich Moore, Clark Spencer
  • Migliore sceneggiatura originale – Manchester by the Sea, Kenneth Lonergan
  • Miglior canzone originale – City Of Stars (La La Land) Justin Hurwitz, Benj Pasek, Justin Paul
  • Migliore colonna sonora – La La Land, Justin Hurwitz
  • Miglior sceneggiatura non originale (La La Land) · Barry Jenkins, Tarell Alvin McCraney
  • Miglior fotografia – Linus Sandgren, La La Land
  • Miglior montaggio – John Gilbert, Hacksaw Ridge
  • Migliori effetti speciali – Il libro della giungla, Robert Legato, Dan Lemmon, Adam Valdez,
  • Miglior cortometraggio d’animazione – Piper, Alan Barillaro, Marc Sondheimer
  • Migliore scenografia – David Wasco, La La Land
  • Migliore scenografia -Sandy Reynolds-Wasco, La La Land
  • Miglior sonoro – Andy Wright, Hacksaw Ridge
  • Miglior Costumi –  Animali Fantastici e dove trovarli
  • Miglior documentario: O.J.: Made in America
  • Miglior corto documentario: The White Helmets
  • Miglior cortometraggio- Sing
  • Miglior trucco, Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson. Suicide Squad

 Le immagini dal Red Carpet

[Best_Wordpress_Gallery id=”21″ gal_title=”Oscar 2017 – Immagini dal Red Carpet”]

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.