di Fabrizio Caperchi

 

Si era capito da subito, da quegli applausi interminabili già dopo la prima esibizione, che la Compagnia Vuccirìa Teatro di Catania, portando in scena lo spettacolo “Io mai niente con nessuno avevo fatto” sarebbe stato un serio candidato alla vittoria finale.

E così è stato, ma non è stata una semplice vittoria bensì un trionfo se si pensa che lo stesso spettacolo, oltre al Premio Produzione come miglior opera dell’edizione 2013 del Roma Fringe Festival, si aggiudica anche due ambiti premi come : Miglior Drammaturgia e Miglior Attore che vanno rispettivamente al 23enne Joele Anastasi ed ad Enrico Sortino.

E così gli stessi Anastasi, Sortino e Federica Carruba Toscano nell’agosto dell’anno prossimo si ritroveranno sul palco del Fringe Festival di New York a difendere i colori dell’Italia.

Al secondo posto in classifica si è piazzata una sorprendente Caterina Gramaglia con lo spettacolo The White Room, anche vincitrice del premio Special Off.

Il Premio Creatività de La Nouvelle Vague Magazine invece abbiamo voluto assegnarlo alla compagnia anglo-italiana Haste Theatre per lo spettacolo The Oyster Boy, tratto dalla poesia illustrata del bambino ostrica di Tim Burton.

La compagnia, tutta al femminile, ha messo in scena una favola malinconica ma anche gioiosa ed a tratti commovente. Con pochi oggetti è riuscita a dar vita al mondo burtoniano non tradendone mai lo spirito anzi esaltandone la poesia.

Riportiamo la lista completa dei premi della serata:

Miglior Regia – Roma Fringe Festival 2013: Ri-Evolution, regia di Roberto di Maio, Compagnia Demix (Sora – Frosinone)
Miglior Drammaturgia – Roma Fringe Festival 2013: Joele Anastasi per lo spettacolo “Io mai niente con nessuno avevo fatto” di Vuccirìa Teatro (Catania)
Miglior Attrice – Roma Fringe Festival 2013: Caroline Pagani per lo spettacolo “Hamletelia”
Miglior Attore – Roma Fringe Festival 2013: Enrico Sortino per lo spettacolo “Io mai niente con nessuno avevo fatto” di Vuccirìa Teatro (Catania)
Premio Spirito Fringe – Roma Fringe Festival 2013: “Libera Uscita” di Circo della Fogna (Pisa)
Premio Special Off – Roma Fringe Festival 2013: “The White Room” di e con Caterina Gramaglia (Roma)
Premio Creatività La Nouvelle Vague Magazine: “The Oyster Boy” di Haste Theatre (Londra)
Premio della Critica Periodico Italiano Magazine: “Manuale Distruzione” di Fatti D’Arte (Bari) – che in collaborazione con il Teatro Studio Uno ne inaugurerà la stagione 2013/2014
Premio del Pubblico – Roma Fringe Festival 2013: “Padroni delle Nostre Vite” produzione Sciara Progetti (Randazzo, Catania)

L’ambìto Premio Produzione e Miglior Spettacolo che vede la produzione al New York Fringe Festival 2014 come rappresentante del Teatro Off italiano è andato a “Io mai niente con nessuno avevo fatto”, mentre le altre classificate (“The White Room” di Caterina Gramaglia, “Cose di questo mondo” di Compagnia delle Rose e “Il Tempo e la stanza” di Arcadia delle 18 Lune) avranno libero accesso ad altri Fringe internazionali.

E così si conclude, dopo 30 giorni e 35.000 presenze,  questa seconda edizione del Roma Fringe Festival che ci ha visti per la prima volta nel ruolo di media partner. E’ stata un’esperienza faticosa ma a tratti esaltante ed approfitto di questo spazio per ringraziare pubblicamente lo staff tecnico ed organizzativo della manifestazione ma soprattutto Davide Ambrogi e Marta Volterra, giovani anime che vivono il teatro con impegno e passione inseguendo il Grande Sogno : far sì che il teatro sia per tutti e che unisca i popoli nel nome dell’Arte.

Arrivederci al Roma Fringe Festival 2014.

 

  • Articoli
Chi sono
Racchiude in sé mille passioni legate a tutto ciò che l’uomo produce, inventa e ricrea; è quello che si può definire un “animale sociale”. Fotografo raffinato, con la sua inseparabile macchina fotografica, congela gli istanti per estrapolarli dalla realtà e condurli in una dimensione altra, sublime. Il suo motto è “Un giorno senza un sorriso è un giorno perso (C.Chaplin)”
×
Racchiude in sé mille passioni legate a tutto ciò che l’uomo produce, inventa e ricrea; è quello che si può definire un “animale sociale”. Fotografo raffinato, con la sua inseparabile macchina fotografica, congela gli istanti per estrapolarli dalla realtà e condurli in una dimensione altra, sublime. Il suo motto è “Un giorno senza un sorriso è un giorno perso (C.Chaplin)”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.