È andato in scena dall’1 al 3 aprile al Teatro Le Sedie di Roma, Sabina scritto da Andrea Pergolari e interpretato da Gioia Montanari e Valentina Favella. Il testo affronta la vita di Sabina Spielrein (1885-1942), psicanalista russa naturalizzata tedesca, una delle prime donne ad esercitare questa professione.

Ispiratrice di testi e film (Prendimi l’anima di Roberto Faenza e A Dangerous Method di David Cronenberg), la Spielrein è una donna inquietante ed enigmatica passata dalla malattia mentale (l’isteria psicotica) all’amore per Carl Gustav Jung e l’esercizio della professione. Spesso ricordata semplicemente come l’amante di Jung, la figura di Sabina Spielrein, ben più complessa, è stata sovente dimenticata, rimossa e incompresa. Andrea Pergolari prova a dar voce alla paziente che si è fatta psichiatra, intessendo relazioni personali e professionali con Jung e Freud, alla pioniera che ha introdotto la psicanalisi in Unione Sovietica, alla donna la cui la tragedia personale incontra quella della Storia: Sabina Spielrein morirà per mano dei nazisti in una forra di Rostov.

Sulla scena prende vita il viaggio nella psiche della Spielrein, delineato da Pergolari, tra parole sconnesse, incubi allucinanti e passioni irrefrenabili. A dare corpo e volto al tormentato personaggio di Sabina sono due giovani e talentuose attrici, Gioia Montanari e Valentina Favella, due facce della stessa medaglia, l’Ego freudiano in parte conscio e in parte inconscio. L’affascinate scelta dell’autore e della regia è orientata a dare due diversi volti alle diverse sfumature di personalità di Sabina, che ama, soffre, sogna e studia dialogando continuamente con la parte sommersa dell’Io, quella parte di sé che la guiderà per tutta la vita.

A tratti letteralmente angosciante, in grado di far provare allo spettatore le strazianti emozioni della Spielrein malata e tormentata, a tratti illuminata e proiettata verso un futuro colmo di speranza, la messa in scena claustrofobica punta tutto sull’ambientazione minimalista e l’interpretazione delle sue meravigliose protagoniste: corpi, volti e voci che si prestano alla causa senza soluzione di continuità, in un’immedesimazione pressoché totale con il personaggio. In particolare colpisce l’intima partecipazione e adesione al ruolo di Gioia Montanari, capace di regalare allo spettatore brividi autentici attraverso un’interpretazione naturale e mai forzata che coglie nel segno per vibrante drammaticità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.