Salomè debutta ad Astiteatro36 il 6 luglio

 

Debutta, nell’ambito di Astiteatro36, Salomè, l’ultimo lavoro del coreografo della Compagnia di Teatro danza Esperimenta, Walter Cinquinella.

Lo spettacolo andrà in scena il 6 luglio alle 20 al Piccolo Teatro Giraudi di piazza San Giuseppe ad Asti.

La performance è liberamente tratta dall’omonima opera di Oscar Wilde e, prendendo spunto da un celebre episodio narrato nei Vangeli, mette in scena la tragica notte in cui Salomè, come ricompensa per aver deliziato con la propria danza Erode Antipa, chiede che le venga consegnata su di un piatto d’argento la testa di Giovanni Battista, in quel momento prigioniero del tetrarca di Galilea.

Lontano dalla semplice narrazione didascalica degli eventi, lo spettacolo intende sfruttare appieno tutte le potenzialità della prosa wildiana arricchendola di suggestioni, dall’erotismo al lirismo, spaziando dall’affresco storico allo slancio onirico, dal dramma psicologico alla riflessione teologica, il tutto senza mai abbassare la tensione che sta alla base dei rapporti tra i personaggi, anzi trovando perfino spazio per momenti di tagliente umorismo.

Apologo morale che sfida i secoli perché ancor oggi di straordinaria modernità, Salomè è un capolavoro assoluto della drammaturgia teatrale, raro esempio di “spettacolo totale” capace di offrire allo spettatore forti emozioni e infiniti spunti di riflessione.

Walter Cinquinella ne cura anche la regia, mentre la ricerca e supervisione musicale è a cura di Fabio Pasciuta.

Il ruolo di Erode, tetrarca di Giudea, è affidato a Tommaso Rotella, quello di Erodiade a Fulvia Romeo, di Lokanaan a Fabio Pasciuta mentre Salomè sarà interpretata dallo stesso coreografo-regista.

Nella sua rivisitazione Cinquinella rafforza l’immagine di Salomè  emblema di sensibilità  decadente, incarnazione del mito romantico della donna fatale corrotta e innocente al tempo stesso, irresistibile e distruttrice; un mito che si ritrova nella Belle Dame Sans Merci di Keats, nella Carmen di Mérimée, nella Monna Lisa di Leonardo.

INFO E BIGLIETTI

Biglietti: 15 euro, ridotto 12 euro possessori carnet

Prevendite presso la biglietteria del Teatro Alfieri: dal 17 al 20 giugno con orario 10-17. A partire dal 24 giugno tutti i giorni a partire dalle 10.Info e prenotazioni: 0141.399057 – 399040

Biglietti: 15 euro, ridotto 12 euro possessori carnet

Prevendite presso la biglietteria del Teatro Alfieri: dal 17 al 20 giugno con orario 10-17. A partire dal 24 giugno tutti i giorni a partire dalle 10.Info e prenotazioni: 0141.399057 – 399040

Intervista a Walter Cinquinella

Quale il motivo della scelta di un ‘opera di “OSCAR WILDE” per il tuo prossimo spettacolo di teatro-danza?

Come sempre sono attratto dalle storie intriganti, e credo che non ci sia vicenda piu’ affascinante di quella di Salomè’ nella versione di Wilde.  Leggendola attentamente si scopre che all’interno sono individuabili i piu’ grandi tabu’ della nostra storia.

Senza svelare nulla, è possibile prevedere che il pubblico di Asti teatro resterà colpito dalla tua ultima fatica ? 

Secondo me si, questa Salomè’, così come l’abbiamo rielaborata io e Fabio Pasciuta, vuole rappresentare l’essenza dei quattro personaggi principali, Erode, Erodiade, Iokanaan (Il Profeta) e appunto Salomè’, elidendo tutto il superfluo per esaltare alcuni elementi chiave della storia, in particolare il decadentismo. Intendiamo proiettare il pubblico in una situazione surreale, con unica uscita la fine dello spettacolo.

A teatro non esiste una ricetta del successo. Ma dovendo individuare gli ingredienti di un’ipotetica pozione quali, secondo te , sono quelli indispensabili ad impressionare il pubblico?

Credo che al giorno d’oggi più che mai ci sia bisogno di emozionare, non importa attraverso quale tipo di emozione.

La musica è un elemento importate nei tuoi lavori, e questo ben si avverte. Vuoi raccontarci com’è andata questa volta ? Cosa ti ha ispirato nella scelta dei brani?

La scelta musicale è stata tutta a cura di Fabio Pasciuta (grande intenditore in materia). Si sono selezionati brani che potessero rappresentare a pieno il decadentismo (oltre a molto altro….) di Salomè, e per ciò Fabio ha davvero operato musiche straordinarie.  Ma anche questa vuol essere una sorpresa….non posso e non voglio svelare altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.