I dinosauri di Altamura

Ci sono molti modi di raccontare i luoghi; c’è chi esplora con dettagli o ampie vedute, chi dà voce alle storie. Il fotografo Sante Cutecchia predilige l’assenza.

Ultimo libro di una trilogia iniziata con un viaggio ne “Il tratturo e la Via Appia Antica” (Mario Adda Editore), focalizzata con “La città di Mezzo” (Edizioni Esperidi), in cui l’autore racconta Altamura attraverso le case abbandonate e trascurate, termina ora con un balzo all’indietro nel tempo, quando, proprio in quella zona, vivevano i dinosauri.

6 Cento Orme

6 CENTO ORME (Studio Stampa Schiraldi) nasce dalla scoperta casuale di due geologi sedimentologi dell’Università di Ancona avvenuta nel 1999 durante un progetto di ricerca finalizzato all’esplorazione petrolifera per conto di una grossa multinazionale, che ha portato ad individuare trentamila impronte in un’area di 12.000 metri quadrati nei dintorni di Altamura ascrivibili ad esemplari di Adrosauride (dinosauro a becco d’anatra) della lunghezza stimata di cinque metri.

6 Cento Orme
Sante Cutecchia- foto di Caterina Striccoli

Cutecchia fotografa 600 di queste 30.000 impronte, producendo, attraverso le immagini, una sensazione di sospensione, facendo riemergere i tanti interrogativi di un tempo così lontano, inconoscibile se non attraverso ipotesi.

È un racconto fatto di immaginazione, polvere e sassi, di colori aridi che in un tempo antico furono fango, acqua e terra viva di memoria.
Tramite le orme è possibile vedere i passi pesanti che abitavano quei posti mentre ora narrano se stessi con il silenzio.

Le foto di Cutecchia sono poesia già nell’intento, anche se il libro termina con un poemetto in 6 stanze dello scrittore e drammaturgo Gian Luca Favetto.

A ogni sguardo una prateria di fantasmi ricomincia e abita il tempo, così interpreta Favetto, guardando quel luogo attraverso le ere.

 

  • Articoli
Chi sono
Milanese trapiantata a Fidenza, si è diplomata alla Scuola di Cinema di Milano. Ha lavorato in teatro in qualità di regista e assistente alla regia e per tre anni ha tenuto corsi di teatro ai detenuti all’interno del carcere di Como. Ha pubblicato diversi racconti in antologie con ARPANet Edizioni e ha collaborato con alcune testate giornalistiche. Si occupa dell’ ufficio stampa del festival cinematografico Parma International Music Film Festival di Parma. Ha pubblicato tre libri: Piccole storie dei sette giorni, Fornelli metafisici e Ricettario Patafisico (Graphofeel)
×
Milanese trapiantata a Fidenza, si è diplomata alla Scuola di Cinema di Milano. Ha lavorato in teatro in qualità di regista e assistente alla regia e per tre anni ha tenuto corsi di teatro ai detenuti all’interno del carcere di Como. Ha pubblicato diversi racconti in antologie con ARPANet Edizioni e ha collaborato con alcune testate giornalistiche. Si occupa dell’ ufficio stampa del festival cinematografico Parma International Music Film Festival di Parma. Ha pubblicato tre libri: Piccole storie dei sette giorni, Fornelli metafisici e Ricettario Patafisico (Graphofeel)
Latest Posts
  • Gianfranco Calligarich

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.