di Matteo Lucchi

Classificatosi primo al concorso di corti teatrali “Autori nel cassetto, attori sul comò” 2014, dal 26 al 28 Dicembre va in scena, al Teatro “Lo Spazio” di Roma, “Mise en Place” di Daniele Amendola e Pietro Pace. Sul palcoscenico, assieme a Pietro Pace, anche Valentina Morini.

Mise en Place è la storia di tanti anni passati tra i tavoli, delle camicie bianche e l’odore di fritto che ti accompagna nel letto, di lacrime sulla bicicletta per tornare a casa, e di risvegli.
Tratto dall’omonimo corto, presentato e premiato anche al Teatro Bellini di Napoli in occasione del concorso “La corte della Formica”, “Mise en Place” vede protagonista un abilissimo Pietro Pace nei panni di un cameriere siciliano che, trasferitosi a Roma per diventare un grande attore, è obbligato a vivere ogni giorno in una sorta di Purgatorio senza via di uscita. L’apatia della routine quotidiana rischia di distruggere definitivamente il sogno di Pietro.

CARTOLINA FRONTE Mise en place

Grazie ad un monologo appassionato accompagnato da lunghi sguardi intensi, Pace riesce a far rivivere nella mente degli spettatori i suoi ricordi e le sue esperienze. Con questo spettacolo, l’attore sembra volersi aprire il petto solo per mostrare il proprio cuore e le proprie emozioni al pubblico in sala.
Merito del successo della rappresentazione è anche la talentuosa Valentina Morini che, splendida nella camminata, gioca con il protagonista alternando momenti di sensuale intesa con fasi di appassionato antagonismo.

In questo gioco delle parti, in cui i ruoli cambiano in continuazione, Pace sembra adagiarsi contento di poter vivere nell’illusione, momentanea, di essere qualcun altro .
Da questo torpore mortale non c’è possibilità di risveglio se non attraverso un taglio netto con tale realtà.
Incisione che, almeno alla fine, il cameriere di Pace sembra essere stato in grado di fare nonostante i rischi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.