Due donne, due femminili diversi, due anime che messe alle estreme condizioni manifestano la loro estrema complessità. Al Teatro Millelire in Roma debutta Bunker diretto e interpretato da Anastasia Astolfi con Alessandra Chieli in scena dal 19 al 24 novembre.

Lo scenario è post-apocalittico, un rifugio antiatomico, una branda al lato della scena, un divanetto dall’altra parte, un tavolino, scatoloni a terra con provviste. Siamo in completa assenza di colore, solo bianco e nero, qualche accenno di grigio, quasi a voler sottolineare la privazione della vita stessa, una quasi totale mancanza di ossigeno, di respiro.

La trama è semplice ma non è affatto scontata, due donne diversissime per fisicità e carattere, Lei (Anastasia Astolfi) asciutta, algida, misteriosa quasi imperscrutabile, l’altra (Alessandra Chieli) femminile, burrosa, apparentemente morbida. Lei ha salvato l’altra da morte certa.

I dialoghi sono  estremamente serrati, asciutti, quasi da cortometraggio cinematografico, le voci si accavallano si rincorrono, si stoppano, come in una imperfetta ma massacrante partita di ping-pong. Il tutto viene  potenziato da un sapiente gioco di luci e ombre, di musiche claustrofobiche. Menzogne, dominio, sottomissione, controllo dell’altra, fra le due donne si instaura un gioco perverso, quasi paranoico, a tratti soffocante, di tanto in tanto cerca di emergere il tema dell’amore tra donne, una bellezza che tuttavia non riesce mai ad affiorare a causa del costante nervosismo sempre in crescendo, dell’ansia, della paura, della privazione.  Un parossismo che però non arriva mai lasciando lo spettatore in costante attenzione: amore e morte si fondono in una carnalità che non si vede ma si può percepire.

Bunker è uno spettacolo estremamente interessante, per la qualità del testo, per la regia e per l’interpretazione delle due attrici, veramente brave e intense. Quello che manca è un po’ di “ metallo” ovvero quella sensazione di freddezza e rigidità che renderebbe il testo e la messa in scena ancora più potente. Forse un po’ lunga la parte centrale, andrebbe snellita per dare maggiore respiro alla parte finale del testo.  Il dialogo/ non dialogo tra le due è infatti davvero bello, quasi perfetto, un momento di smarrimento e di rincontro tra le due, un vuoto esistenziale che rimane negli occhi dell’una ma soprattutto dell’Altra.

Bunker è un intenso,quasi inatteso e per niente scontato viaggio nell’oscuro femminile, finalmente in scena due attrici che mostrano il lato in ombra dell’essere donna.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.