Questo è stato il mio primo pensiero quando questa mattina ho letto la lista dei vincitori degli Oscar 2019 assegnati a Los Angeles questa notte.

Una sorta di filo invisibile ha unito il palco dell’Ariston di Sanremo al palco del Dolby Theatre di Los Angeles (tra l’altro, essendo salita su entrambi, piccolissimi).

I faraoni egiziani si sono risvegliati e stanno conquistando il mondo. Da noi sta facendo sfracelli in classifica il vincitore di Sanremo Mahmood  (padre egiziano) la cui “Soldi” risulta essere la canzone italiana più ascoltata al mondo su Spotify.

Negli Usa e nel resto del mondo ha fatto sfracelli Rami Malek (genitori egiziani, il primo americano della sua famiglia) che con la sua sublime, convincente, incredibile, sentita interpretazione di Freddie Mercury, ha vinto tre premi importanti: il Golden Globe (critica esterna negli Usa), il Bafta (l’Oscar inglese), e l’Oscar. Un “triplete” degno di Mourinho. 

Nonostante la crescente “insofferenza” (parola più elegante di odio) per lo straniero, per l’immigrato, per il diverso, molti dei premi assegnati questa notte vanno proprio ad artisti che, in qualche modo, fanno parte di questa categoria.

Gli altri premi

Oltre a Malek, il film vincitore è stato “Green Book”, storia di un musicista americano nero e gay che viene accompagnato in un suo viaggio da un autista bianco, ambientato in un’America razzista degli anni ’60. Il film vince anche per la migliore sceneggiatura originale e Iper l’attore non protagonista Mahershala Ali, alla sua seconda statuetta in soli due anni (due anni fa la stessa per Moonlight), afro americano musulmano.

Il miglior regista è stato Alfonso Cuaron per “Roma”, spaccato di vita nella Città del Messico dei primi anni ’70, film che vince anche per la categoria miglior film straniero e per la fotografia

E la miglior attrice non protagonista è stata l’afro americana Regina King per “Se la strada potesse parlare”.

La sceneggiatura non originale è andata a “Blackkklansman” di Spike Lee (con chiaro argomento razziale).

Se poi andiamo a vedere qualche premio minore ad un altro film “colored” ma decisamente più leggero di quelli nominati sopra. Il film della Marvel “Blackpanter” ha vinto per la miglior scenografia e i miglior costumi.

Facendo le pulci, anche Lady Gaga, che ha preso il premio per la miglior canzone “Shalllow” di “A Star is Born”, è nipote di emigranti italiani.

Una premiazione quindi che lancia segnali forti al pensiero razzista, in ogni sua forma.

Per quanto riguarda le assegnazioni, non tutto è andato come previsto. La favorita Glenn Close per la miglior interprete femminile è rimasta con le mani in mano e la statuetta è andata a Olivia Colman per “La favorita”. Il titolo era in lizza anche per le attrici non protagoniste. La papabile era Rachel Weisz, ma il premio è andato a Regina King (ma la mia preferita era Amy Adams per “Vice”)

“Vice” è stato un po’ lasciato nel dimenticatoio. Niente Amy Adams, niente Christian Bale (protagonista), niente Sam Rockwell (non protagonista, che avrebbe meritato per un meraviglioso George Bush jr). Il film ha preso la statuetta solo per il miglior trucco (a Bale ovviamente che ingrassando però ci ha messo molto del suo). Non ha preso invece il premio per il montaggio (sublime, impeccabile, geniale) che invece è andato a Bohemian Rhapsody (probabilmente il premio dato per l’impeccabile montaggio della parte finale del film, quella dell’esibizione dei Queen al Live Aid).

Al poco convincente “The first man” hanno voluto comunque dare un premio, quello degli effetti speciali. Immeritato a parer mio, visto che tra le nomination vi era anche Avengers Infinity War (che doveva vincere), Ready Player One e “Solo: a Star Wars story”

Tutti in piedi, cantano i Queen

Non ho visto la cerimonia. Ma non potevo non cercare stamani l’esibizione dei Queen, Opening Act (ossia numero di apertura) della cerimonia.

https://www.youtube.com/watch?v=XwbCfVEB5EM&feature=share

Hanno trasformato il minipalco del Dolby Theatre in un enorme stage da concerto. Non hanno fatto mancare nulla nella loro scenografia anche le immagini di Freddie Mercury in chiusura di We are the champions.

Mi ha colpita una cosa di questa esibizione. Il pubblico. Un pubblico fatto al 70% di artisti che si sono alzati si sulle note di We Will rock you (Adam Lambert grandioso e bellissimo, ma il nostro Salvo Vinci sul palco di”We will rock you” è più bravo), ma mi parevano quasi tutti ingessati. Per non parlare di quando si sono riseduti per “We are the champions”, imbalsamati. Ma capperina! Artisti, alcuni dei quali anche ottimi cantanti…muti, immobili.

Comunque in questa stagione cinematografica la musica ha vinto, il rock ha vinto. E si continuerà con le immediate uscite di “Rocket man” (bio di Elton John) e del bizzarro “Yesterday” (basato sulle canzoni dei Beatles).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.