EGON E JIM DAL TESTO DI RENZO S. CRIVELLI IN SCENA AL TEATRO BOBBIO VENERDì 2 MARZO ALLE 20.30

con Francesco Godina (Jim) – Enza De Rose (Wally) – Giacomo Segulia (Egon) e Valentino Pagliei al Contrabbasso.

Regia di Daniela Gattorno

 

Egon Schiele e James Joyce, due grandi artisti, figure controverse del loro tempo, s’incontrano nello spettacolo “Egon e Jim” e nell’immaginario del Prof. Renzo Crivelli, esperto di Joyce sul Molo San Carlo (oggi  Audace) a Trieste davanti a un cavalletto, quasi per caso; un colloquio che darà inizio ad una profonda amicizia.

“Egon e Jim”, vede Schiele, dopo un periodo di prigionia per aver sedotto una quattordicenne e per via delle sue opere ritrovate nell’abitazione di Neulengbach in Austria e considerate scandalose dal giudice chiamato in causa, ritornare a Trieste dopo esservi già stato con la sorella anni prima.

A quel tempo James Joyce, già autore di “Gente di Dublino” ma impegnato con la censura irlandese che ne voleva impedire la pubblicazione, soggiornava a Trieste sentendosi più che a suo agio lontano da Dublino, dalla quale gli arrivano solo commenti negativi per i suoi scritti, considerati anch’essi immorali.

Accomunati dunque dall’amore per le donne, soprattutto giovani, alle quali affidano come delle muse la loro ispirazione, e scontrandosi con resistenze e incomprensioni da parte della società del loro tempo, stabiliscono un’amicizia incentrata sull’arte affrontando il tema del rapporto tra essa e la pornografia, una questione senza tempo.

Sullo sfondo della vicenda il piroscafo Carpathia in partenza per New York: il simbolo della tragedia incombente. In una lettera al pittore Anton Peschka, datata Trieste 14 maggio 1912, Schiele, che sta soggiornando presso l’Excelsior Palace Hotel, osserva il mare e nota proprio il Carpathia. La nave, che ha appena salvato i superstiti del “Titanic”, è l’immagine della società che “balla sul ponte” mentre si avvicina il naufragio del conflitto mondiale. Il testo del prof.

Crivelli sottolinea come i due artisti si siano  “riconosciuti come maestri nel cavalcare burrasche (…) navigatori infiniti anche se nel breve spazio degli sguardi”, entrambi in grado di superare  il consueto, verso l’essenza delle cose, capaci di trasformarla in arte “così avanti nel vedere le pieghe sconosciute della mente.

L’istinto che seduce ma anche quello che corrompe il corpo, quando sceglie, invece dell’amore, l’oscenità della guerra.” Lo spettacolo, già andato in scena diverse volte, è oggi presentato in una nuova messa in scena per la regia  di Daniela Gattorno.

Abbiamo debuttato con questa versione inedita – racconta Daniela – la scorsa primavera al Teatro Faraggiana di Novara, città di nascita del professor Crivelli. In questa mia versione ho cercato di dare maggiore risalto al contesto ambientale e sociale triestino dell’epoca., così da evocare le atmosfere così speciali, che  rendono Trieste unica nel panorama nazionale.

Nel cast Francesco Godina, Enza De Rose, Giacomo Segulia e Valentino Pagliei.

 

Info 040 948471 / 040390613 www.contrada.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.