Ospitato  nelle sale del Nuovo Cinema Aquila, da anni impegnato a promuovere nuove tendenze culturali, ha preso il via la XII edizione del Rome Independent Film Festival una vetrina di respiro internazionale che da sempre si impegna nel promuovere quel settore di cinema lontano dalle grandi case di produzione e di valorizzarne la componente più giovane e creativa che, scardinando gli schemi imposti, fa della sperimentazione e dell’originalità il proprio strumento d’espressione.

Opening dell’edizione 2013 è stato il film fuori concorso “Il futuro” ,una coproduzione tra Italia, Cile, Germania e Spagna, della regista cilena Alicia Scherson arrivata con questo film al suo terzo lungometraggio già acclamato lo scorso gennaio, da pubblico e critica, al Sundance Film Festival dove la pellicola è stata presentata in anteprima mondiale.

Ispirato al libro dello scrittore cileno Roberto Bolano “Un romanzetto canaglia”,edito nel 2003, il film è ambientato a Roma e ruota intorno ad un cast internazionale articolato ed eterogeneo che vede la presenza della star mondiale Rutger Hauer affiancato da giovani attori come la cilena Manuela Martelli, Luigi Ciardo e Nicolas Vaporidis.

La trama racconta, attraverso la voce narrante della protagonista, la difficile realtà di due fratelli, Bianca e Tomas, che improvvisamente rimasti orfani a seguito di un incidente stradale che ha coinvolto i genitori, si ritrovano ad affrontare completamente soli la cruda tangibilità della vita adulta.

Costretti da una situazione economica di ristrettezze, Bianca e Tomas trovano lavori con mansioni di basso profilo e abbandonano la scuola conducendo vite alienanti ed estraniate dal contesto reale, in cui l’unico elemento di svago e di evasione è rappresentato dalla televisione di casa. Delusi dalle rispettive realtà lavorative e spinti dalla frequentazione di amicizie negative, i due fratelli si ritroveranno coinvolti in un piano criminoso che ha lo scopo di svaligiare la cassaforte di ex star del cinema,detto Maciste, ormai appesantito dall’età e reso cieco da un incidente, che vive in una villa decadente completamente solo.La chiave del piano è rappresentato da Bianca che inizia a prostituirsi per lui regolarmente conquistandone la fiducia. Il singolare rapporto instaurato dalla protagonista con l’uomo porterà a sviluppi diversi ed inaspettati.

Il contesto socio-culturale desolato e di basso profilo,di pasoliniana memoria,interconnesso con un tessuto urbano estraniante e indifferente che  fa da ambientazione al film, rappresenta la struttura visuale della narrazione in cui i protagonisti si muovono e agiscono nella continua ricerca del proprio posto nel mondo, una  ricerca complessa e tormantata che attarverso le pesanti tracce delle esperienze negative  si traduce in occasione di riscatto e di fiducia in un futuro positivo e di crescita.

      INFORMAZIONI TECNICHE

     REGIA: Alicia Scherson
     CAST: Manuela Martelli,Rutger Hauer,
     Nicolas Vaporidis,Luigi Ciardo,
     Alessandro  Giallocosta.
     PRODUZIONE: Movimento Film, Jirafa,
     Pandora, Astronauta
     DISTRIBUZIONE: Movimento Film

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
“L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi.” Marcel Proust
×
“L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi.” Marcel Proust

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.