L’ASSOCIAZIONE TEATRALE “MARIONETTE SENZA FILI”

TORNA IN SCENA ALL’AUDITORIUM PIERLUIGI A PALESTRINA CON LA COMMEDIA “LIOLA’” di L. Pirandello

 

L’associazione teatrale “Marionette senza fili” torna in scena all’ Auditorium Pierluigi di Palestrina con la commedia “Liolà” di Luigi Pirandello, sabato 1 e domenica 2 febbraio (sabato ore 21, domenica ore 18), con la regia di Claudio Tagliacozzo, che ne interpreta anche il protagonista.

Liolà è stata scritta nel 1916 durante la prima guerra mondiale, in un momento molto doloroso per la vita dell’autore: il figlio era detenuto in un campo di prigionieri di guerra e la moglie cadeva in sempre più frequenti crisi della sua malattia mentale. L’opera invece, nonostante questa angosciosa condizione della vita dell’autore, è molto giocosa ed allegra, quasi spensierata, al punto che l’autore stesso dirà «è così gioconda che non pare opera mia». La commedia fu messa in scena per la prima volta il 4 novembre 1916 al Teatro Argentina di Roma con la Compagnia di Angelo Musco. Poiché era scritta totalmente in lingua siciliana, all’inizio pubblico e critica avevano molte difficoltà nel comprendere i dialoghi. Questo inconveniente convinse l’autore ad inserire nel testo una traduzione in italiano della commedia. La vicenda ha per protagonista Neli Schillaci, detto Liolà.  Nome e soprannome erano già stati attribuiti ad un altro personaggio: Neli Tortorici, nella novella “La mosca”. Liolà è un personaggio spensierato e vagabondo, appassionato di canto e di poesia, sempre in sintonia con il mondo e la natura. La società contadina descritta da Pirandello nella commedia, richiama, per certi versi le tematiche verghiane, quelle caratterizzate dalla brama di possesso per le ricchezze materiali, per la terra, per la ‘roba’.
In questo mondo rurale, piccolo nel suo egoismo e ipocrisia, grandeggia ed agisce da elemento sovvertitore la figura panica di Liolà, un semplice bracciante che, senza alcun interesse per il benessere materiale, vive senza remore la sua sessualità, sconvolgendo allegramente e senza neppure accorgersene, le regole grette e meschine della morigerata società in cui vive. Come in altre opere di Pirandello, proprio colui che appare il colpevole trasgressore delle norme sociali è invece il giusto e generoso riparatore dei torti subiti da chi è stato ingannato: aiutando Mita ad essere riammessa in casa del marito, mettendola incinta quasi per burla, Liolà, seguendo spensieratamente la sua natura, ristabilisce la giustizia. Liolà rappresenta un leggero e simpatico seduttore di altri tempi, anticonformista e refrattario alle regole, ma che si propone come sposo a tutte le fanciulle dalle quali ha avuto figli: da qui nasce una ambiguità che è la chiave di lettura dell’opera, in cui i toni drammatici sono vinti dall’ironia e dall’umorismo di fondo della narrazione.

Un appuntamento da non perdere con la compagnia di  “Marionette senza fili” che porta in scena una commedia divertente, con un cast di attori eccellenti, un’occasione per dedicarsi alla cultura e alla madre delle arti, il teatro,  supportando chi lo fa con passione, impegno e dedizione per emozionare il pubblico, oltre loro stessi.

PREZZI BIGLIETTI:

  • INTERO = € 12,00 
  • RIDOTTO = € 8,00
  • GRATUITO= UNDER 5

 

INFO E PRENOTAZIONI  al  338.25.23.004                                                   www.marionettesenzafili.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.