Ciro Di Marzio è sicuramente stato uno dei personaggi più amati di Gomorra. Dopo il finale a sorpresa di Gomorra 3, Marco D’Amore ha voluto salutare i suoi fan utilizzando la sua pagina Facebook. In una toccante preghiera laica tratta da Ragazze sole con qualche esperienza di Enzo Moscato invita i camorristi a pentirsi.

Video realizzato con Marco Ghidelli, Pietro Di Francesco, Valerio De Stefano e Raffaele Bassetti

 

Testo

“Vuie ca state mmiezz’e diente…

Vuie ca state mmocc’a Lupa,

Vuie ca nun vedite cchiù nè ghiuorno né notte…

ma sulo o cannarone apierto, scuro comm’a pece ca ve tira a’ffunno…

fino o primme giro de’budelle…

Pentitevi… facite na preghiera… l’anema mettite a luogo e salvazione…

Sta bbestia, sta Lupa, secca e avara

he trasuta e sicco e s’he misa e chiatto

dint’a tutt’e case d’a città…

s’è assettata a capotavola

eallà cummanna…fa sta zitte…fa parlà…

a tutte sparte sanghe e mmenesta,

pisciazza, cuttone mmocca, merda,

nu popolo e surdate sta criscenne

cu ll’ogne fatte a punta di coltello…

infanzia, adolescenza, viecchie cu e capille ianche

criature senza capa e senza cosce,

sulo cu e mmane, mane armate,

mane ca vottono o terreno dint’all’uocchie,

ca bucano o sole e a luna.

Guardate, sti criature ntussecus comm’a guappo.

Che ponno tenè? Duie, tre anni?

Zompan’e nuvole e sparan, pah!

Sparan mmocc, sparan dint’e vene giugularie,

Sparano sempe e sulo a chi tene o core.

Scetateve. Io vi dico. Scetateve. Scetateve.

Traduzione:

Voi che state in mezzo ai denti Voi che state nella bocca della Lupa voi che non conoscete più né il giorno né la notte ma soltanto la gola aperta scura come la pece che vi tira in fondo fino al primo giro delle budella.

Voi pentitevi, fate una preghiera, l’anima vostra provate a salvare.

Questa bestia, questa lupa secca e avara è entrata sommessa ed ora ha preso spazio, siede a capotavola e da lì comanda fa star zitti fa parlare. A tutti dispensa minestra e sangue, piscio, cotone in bocca e merda.

Un popolo di soldati sta crescendo con le unghie affilate come punte di coltello. Adolescenza, infanzia, vecchi coi capelli bianchi. Bambini senza testa né gambe, solo con le mani.

Mani armate, mani che gettano terreno negli occhi, mani che bucano il sole e la luna. Guardate questi bambini, atteggiarsi a delinquenti. Giocano con le nuvole e sparano.

Sparano in bocca, alle vene giugulari, sparano sempre a chi ha un cuore nel petto. Svegliatevi. Vi dico. Svegliatevi».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.