Lunedì 6 febbraio il Teatro Miela inaugura Il nuovo “ridottino”, una sala di una cinquantina di posti adatta ad un ascolto attento e raccolto e che darà la possibilità di ampliare ancora di più le proposte di Miela/Bonawentura.

Sarà il teatro ON/OFF con la LA MARIA FARRAR di Manlio Marinelli con Sara Alzetta il primo spettacolo della nuova sala.

Sara Alzetta, attrice triestina, ha studiato al Piccolo di Milano e all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico e ora porta a Trieste, sua città natale, uno spettacolo crudo, denso e “polifonico” che mette in luce la sua grande bravura.

E’ uno spettacolo di un’ora, c’è una sola attrice, io, e una sedia. Da un paio d’anni replico questo  spettacolo. A Palermo l’ho replicato in due diverse stagioni, perché la prima era andata molto bene.

A Maria Farrar, infanticida rinchiusa in carcere e che per il suo crimine viene uccisa dalle altre detenute, Bertolt Brecht dedica una delle sue poesie più belle, che si conclude dicendo:

Voi, che partorite comode in un letto e il vostro grembo gravido chiamate «benedetto», contro i deboli e i reietti non scagliate l’anatema. Fu grave il suo peccato, ma grande la sua pena. Di grazia, quindi, non vogliate sdegnarvi: ogni creatura ha bisogno dell’aiuto degli altri.

Manlio Marinelli, giovane autore palermitano di stanza a Torino, apre il racconto che ne fa Brecht reinterpretandolo in senso mediterraneo, barocco.

Io ho riportato la storia in una periferia qualsiasi di una metropoli italiana, ai nostri giorni – racconta Marinelli – ma l’andamento non è descrittivo o narrativo, anzi la chiave è surreale e dalla voce dell’ attrice scaturisce una moltitudine di personaggi.

Maria Farrar diventa così una ragazza del proletariato torinese della prima emigrazione meridionale.

Nel suo universo ristretto il prete è veneto, la “più baffuta delle sorelle suore del pio albergo” è meridionale come lei, le appare una Madonna modenese mentre un sorcio le parla in romanesco.

Nella sua triste storia incontrerà anche uno psichiatra di Milano e un politico dalla fiera identità padana e diventerà preda dei salotti televisivi. Uno spettacolo divertente e terribile al tempo stesso e una grande prova d’attrice.

  • Articoli
Chi sono
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
×
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
Latest Posts
  • Tony Hadley

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.