Domenica 21 gennaio è il VR Day: da gennaio 2017 il Trieste Film Festival è impegnato ad esplorare le nuove tecnologie in ambito cinematografico e per questa edizione Alpe Adria Cinema con il supporto del PAG – Progetto Area Giovani del Comune di Trieste promuove il progetto TSFF goes Virtual.

Domenica il Salone degli Incanti nella marina di Trieste ospiterà un’intera giornata di approfondimento sul tema, a cominciare dalle ore 11:00 con il PANEL VIRTUAL REALITY: STATE OF THE ART, un panel sullo stato dell’arte del video immersivo, con l’analisi di una transmedialità che implica il cinema, i videogiochi, internet ed il sound design. Parteciperanno Antonio Giacomin (VR expert), Dennison Bertram (visual artist), AIMONE BODINI (creative producer & VR specialist) e Axel Drioli (immersive audio producer).

Il workshop

Domenica 21 gennaio al TSFFAlle ore 14:30 si terrà il WORKSHOP WHAT IS SPECIAL ABOUT SPATIAL AUDIO?, un workshop con Axel Drioli sullo Spatial Audio, le sue caratteristiche, potenzialità e debolezze da un punto di vista creativo. Il workshop è dedicato soprattutto a registi e creativi anche senza competenze specifiche sull’utilizzo dello Spatial Audio come strumento per lo storytelling.

La masterclass

Infine a coronamento della giornata di studio si terrà la MASTERCLASS di MICHEL REILHAC, uno dei pionieri nelle riprese di realtà virtuale: il suo primo film VR Viens! è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2016. Reilhac è l’ideatore e co-programmatore di Venice VR, la prima competizione ufficiale di contenuti artistici VR alla Mostra del Cinema di Venezia ed è anche head of studies per la Biennale College di Venezia, oltre ad essere a capo del Cross Media College presso la Scuola Holden di Torino.

Le passeggiate

Per le altre attività della giornata segnaliamo che dal Politeama Rossetti alle 11:00 Nicola Falcinella guiderà la Passeggiata nella Trieste del Cinema, un viaggio lungo viale XX Settembre e i suoi dintorni, le strade delle sale cinematografiche oggi e delle prime proiezioni a fine ‘800, al Teatro Fenice e allo stesso Rossetti. Si va sui luoghi di Senilità e de La sconosciuta, ma anche di Giulia e Giulia, La forza del passato e della ricerca di Bobi Bazlen ne Le stade de Wimbledon. E ancora allo storico Caffè San Marco, set dei film da Svevo ma anche di Nora su James Joyce e di Paprika di Tinto Brass. Ci si iscrive scrivendo a esternogiornots@gmail.com o chiamando il +393394535962.

Il TSFF dei Piccoli

All’Immaginario Scientifico c’è invece il TSFF dei Piccoli: dalle 10:00 alle 18:00 nello spazio delle multivisioni Kaleido verranno proiettati cortometraggi di animazione selezionati dal Trieste Film Festival e alle ore 11:00 e alle 15:00 ci sarà il laboratorio Scienziati della Domenica zootropio: la magia del cinema. Con materiali semplici, fantasia e creatività, i bambini costruiranno il dispositivo “antenato” della proiezione cinematografica: sperimentando come la rapida successione di immagini conferisce l’illusione di movimento.

Al Ridottino del Teatro Miela invece alle 10:30 c’è il Cinema per i Piccoli: una gustosa mattinata in cui godersi sullo schermo delle animazioni selezionate dal Trieste Film Festival accompagnati da una ricca e dolce merenda preparata per voi da Mimì e Cocotte.

Le Giornate della Distribuzione Indipendente

Alle 11:00 la sala grande del Teatro ospiterà invece Le Giornate della Distribuzione Indipendente, realizzato in collaborazione con il SNCCI, con un focus incentrato sulle crescenti interazioni tra le distribuzioni italiane e il sistema dei festival nella diffusione del cinema indipendente.

Il Premio Salani

Domenica 21 gennaio al TSFFDalle 14:30 fino a sera sarà protagonista il Premio Salani. Verranno quindi proiettati Karenina & I lungometraggio di Tommaso Mottola, film del 2017 in cui l’attrice norvegese Gørild Mauseth accetta la sfida, quasi impossibile, di interpretare Anna Karenina in una lingua che non ha mai parlato e nel paese d’origine dell’autore. Inizia così un lungo viaggio fino a Vladivostok attraverso la transiberiana per imparare il russo e scoprire i veri motivi per cui Tolstoj (cameo di Liam Neeson) ha scritto il romanzo.

Alle 16:30 potremo vedere in anteprima assoluta Country For Old Men (2017), documentario di Pietro Jona e Stefano Cravero che ci porta a Cotacachi, in Ecuador tra la fine dell’American Dream e la continuazione del mito della frontiera: il paradiso di un gruppo di pensionati americani espatriati; un volontario esilio dorato caratterizzato dai rapporti quanto meno complessi con la gente del posto.

Subito dopo, alle 18:30 Uno Sguardo alla Terra (2018) di Peter Marcias ci porta in un’opera che parte dalla visione del film di un grande documentarista sardo, Fiorenzo Serra: L’ultimo pugno di terra, censurato nel 1965, per arrivare a discutere del cinema documentario contemporaneo. Intervengono alcuni tra i più grandi autori del cinema del reale.

Infine, alle 21:00 viene proposto Il Cratere (2018) di Luca Bellino e Silvia Luzi, una docu-fiction ambientata in una terra tormentata, in cui un padre sfida il mondo e la sorte attraverso sua figlia e le sue corde vocali. Il successo si fa ossessione, il talento condanna. Il Cratere è una favola al contrario basata sulla vera storia di una ragazzina, cantante neomelodica, già star del web.

Tutte le proiezioni saranno accompagnate in sala dagli autori.

I biglietti per la giornata e le singole proiezioni sono acquistabili direttamente alla cassa del Teatro Miela mezz’ora prima della prima proiezione.

Tutti gli orari e le modalità di accesso alle proiezioni e al concerto sono sul sito www.triestefilmfestival.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.