Alle 11:00 al Caffè San Marco si tiene il consueto appuntamento con gli autori. Verranno annunciati in questa sede i vincitori della 29a edizione del Trieste Film Festival.

Sempre alle 11:00 in piazza Oberdan parte la passeggiata cinematografica dedicata alla fiction “La porta rossa”, a cura di Elisa Grando. Un tour in pullman alla scoperta delle location periferiche dove è stata girata la celebre serie televisiva interpretata da Lino Guanciale. Inoltre, grazie all’utilizzo dei visori, i partecipanti potranno visitare le location inaccessibili e ascoltare l’esperienza di chi ha lavorato sul set.

La giornata di proiezioni del Politeama Rossetti si apre alle 11:00 con la retrospettiva Rebels 68. east’n’west revolution e la proiezione di The Dreamers (I sognatori) di Bernardo Bertolucci.

La macchina desiderante è all’opera con il duo perverso Louis Garrel/Eva Green, che fa scandalo perché sessualmente è la stessa persona, alle prese con l’ospite-spettatore.

Sequenza stupefacente in volo verso la Cinémàtheque, unico approdo e scatola delle meraviglie da dove escono i fantasmi della Bande à part di Godard. Il ‘68, “opera aperta” a confronto con la sinistra disciplinare dei padri, sfonda il vetro della finestra con un sampietrino, e apre alla battaglia del Maggio.

Al termine del film il Cafè Rossetti ospiterà un Cinebrunch! per gustare prelibatezze dolci e salate.

Dopo la pausa brunch le proiezioni ricominciano alle 14:30 riprendendo la retrospettiva Rebels 68. east’n’west revolution con Blow-Up di “Blow-Up” (Blow-Up of “Blow-Up”) di Valentina Agostinis, presente in sala alla proiezione. Un film sull’opera che ha catturato lo spirito di una rivolta tellurica epocale, nel centro artistico e esistenziale del mondo, a 50 anni dalla Palma d’oro di Cannes. Interviste, foto, riprese del set, oggi gentrificato (tra Kings Road e Prince Place, Edith Grove Road e il Marion Park) e un affondo sul “sentimento del reale” di Antonioni che inventa un cinema saggistico/ narrativo capace di raccontare il suo stesso prodursi.

Alle 16:00 Blow-Up di Michelangelo Antonioni chiude la retrospettiva Rebels 68. east’n’west revolution, un Antonioni concettuale e poetico, “neorealista pop del paesaggio metropolitano”, che non risolve un intreccio thriller ma svela il procedimento dello sguardo critico-scientifico. Per non mistificare la realtà bisogna prima demistificare se stessi e la tecnologia di ripresa impiegata. A costo di andare contro la società dello spettacolo. Per l’immaginazione (fertile) al potere.

Alle 19:00 la Cerimonia di premiazione porta gli spettatori verso la conclusione di questa 29° edizione del Festival.

A seguire un evento speciale, la proiezione del documentario Bora su Trieste (Bora over Trieste) di Gianni Alberto Vitrotti. Nel 1953 alla XIV Mostra di Venezia, nella sezione documentari e cortometraggi, venne invitato il cortometraggio Bora su Trieste. Per realizzarlo, Gianni Alberto Vitrotti lavorò a questo progetto per due anni, appostandosi nei punti più ventosi della città. Il film ottenne un clamoroso successo e conquistò il Leone d’Argento. Versione restaurata a cura della Cineteca del Friuli.

Il film di chiusura prescelto per la 29° edizione del Festival è L’Altrove Più Vicino. Un viaggio in Slovenia (The Nearest Elsewhere. A Journey to Slovenia) di Elisabetta Sgarbi, che presenzierà alla proiezione della pellicola.

La Slovenia nelle parole e negli occhi di Paolo Rumiz, nei versi del poeta Alojz Rebula, nei ricordi di Claudio Magris: un viaggio attraverso un paese vicino, nella sua lingua, nei suoi paesaggi, nelle sue somiglianze con l’italia.

I biglietti per la giornata e le singole proiezioni sono acquistabili direttamente alla cassa del Teatro Miela e del Politeama Rossetti, mezz’ora prima della prima proiezione.

Il programma e il calendario delle proiezioni è scaricabile dal sito www.triestefilmfestival.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.