La banale retorica non consta fatica. È il fare in modo diverso che scompiglia il contesto e può far cambiare il sistema sociale e visionario dei nostri tempi. Senza sotterfugio alcuno, ma solo con la forza della nostra bontà. Per non rimanere soli e vuoti.

Ci si muove dentro una scenografia assolutamente originale, creata da Sandro Ippolito. Tra copertoni di vecchie ruote, sedili delle auto, cassette di legno, sgabelli e sedie di legno; si sviluppano le vicende di Siamo tutti buoni, spettacolo che mette in evidenza il problema dell’immigrazione. Soprattutto della presenza dei rumeni in casa nostra.


Siamo tutti buoni
, al teatro dell’Orologio di Roma (Sala Orfeo) dal 1 al 13 marzo, testo e regia di Andrea Bizzarri, è presentato e prodotto dalla Compagnia Readarto Officine Artistiche.

Roma e la sua periferia, dove giacciono sistemi di vita assolutamente stravaganti, ingegnosi e malavitosi. Un garage affittato, che per varie traversie finisce nello sparire dalle mappe catastali, diventa il giaciglio di Elèna, rumena, senza permesso di soggiorno, ma gran lavoratrice per sottrarsi al controllo da parte delle autorità. Il ruolo è affidato all’attrice italo-inglese Alida Sacoor.

Siamo tutti buoni
Si mischiano forme dialettali interessanti, romano, rumeno e napoletano, che denotano la buona recitazione degli attori, affinché l’ironia spicchi. Nonostante ciò la performance non risulta sempre lineare, soffrendo di punti morti, rallentandola.

Ai costumi, a cura di Cristiana Putzu e Veronica Iozzi, avremmo aggiunto colori più sgargianti per accentuare lo scherno, il quale bilancia la drammaticità della problematica sociale, che tutt’oggi viviamo. Mentre l’ottimo gioco di luci crea immagini che possono benissimo accostarsi alle sit-com moderne. Difatti, Siamo tutti buoni, se più energico, potrebbe essere adattato per una serie TV.

CSiamo tutti buoniome di consueto ogni borgata possiede il suo magnate. In questo caso don Vincenzo, interpretato da Antonio Conte, buttafuori di una sala di videopoker si appropria abusivamente della struttura comunale in disuso. Il figlio Walter, interpretato da Riccardo Giacomini, nullafacente e pigro, si accomoda nel garage e con Elèna sorgono piccoli contrasti che in seguito sfoceranno in ricatti.

Di colpo il ragazzo di Elèna irrompe sulla scena. Sevastian, interpretato da Matteo Montaperto, lascia il mistero dietro di sé per non far scoprire la sua relazione. Walter ribalta la situazione sul finale, svelando ciò che ha scoperto dei due e don Vincenzo si ritrova nonno.

ISiamo tutti buonivano e Tonio, rispettivamente Guido Goitre e Valerio Di Tella, sono gli scagnozzi di don Vincenzo, i quali con toni sarcastici e piccole movenze snelliscono e alleggeriscono l’argomento trattato, sottolineando anche la loro credenza religiosa, con la preparazione di una madonnina in ferro e legno per la processione natalizia.

Non sappiamo quanto di tutto questo bailamme a quale conclusione e considerazione conduce. Sicuramente fare del bene dona beneficio. Ma se ci si priva di questo percorso le nostre mani e i nostri cuori risulterebbero vuoti. Forse, ribaltare i punti di vista, e certamente non prevaricare per soldi, soprusi e successo sarebbe una crescita divina per imparare ad accogliere tutti.

La banale retorica non consta fatica. E’ il fare in modo diverso che scompiglia il contesto e può far cambiare il sistema sociale e visionario dei nostri tempi. Senza sotterfugio alcuno.

Foto: Sergio Battista

  • Articoli
Chi sono
Associo la mia persona alla creatività. Lo spazio è ampio. Anche la scrittura ne fa parte. Grazie alle poesie e alle recensioni ho cominciato a immergermi in questo vasto campo. Impegno, concentrazione, attitudine e osservazione sono sensori e percezioni. Dedico il tempo a recensire spettacoli di teatro, mostre d’Arte e fotografie, eventi musicali e libri. Concentrandomi sull’attenta analisi dell’insieme acquisisco, ogni giorno, forme e contenuti migliori mirati all’argomento trattato. Sfruttando la parola come gioco sintattico delineo il lavoro, un concentrato di stimoli e di informazioni. La poesia ci rientra assemblandosi alla forma personale che spicca. La macchina affina gli ingranaggi giorno per giorno. E’ una crescita personale supportata dalla fiducia altrui, anche. Non mi sento immobile e perseguo un obiettivo importante. L’arte è una spinta ed è un gradino in più per rimettere piede nel mondo degli studi passati per ammirare tutte le bellezze artistiche, sia a livello architettonico, sia pittorico che fotografico e via discorrendo. Le descrivo in scrittura. Viaggio.
×
Associo la mia persona alla creatività. Lo spazio è ampio. Anche la scrittura ne fa parte. Grazie alle poesie e alle recensioni ho cominciato a immergermi in questo vasto campo. Impegno, concentrazione, attitudine e osservazione sono sensori e percezioni. Dedico il tempo a recensire spettacoli di teatro, mostre d’Arte e fotografie, eventi musicali e libri. Concentrandomi sull’attenta analisi dell’insieme acquisisco, ogni giorno, forme e contenuti migliori mirati all’argomento trattato. Sfruttando la parola come gioco sintattico delineo il lavoro, un concentrato di stimoli e di informazioni. La poesia ci rientra assemblandosi alla forma personale che spicca. La macchina affina gli ingranaggi giorno per giorno. E’ una crescita personale supportata dalla fiducia altrui, anche. Non mi sento immobile e perseguo un obiettivo importante. L’arte è una spinta ed è un gradino in più per rimettere piede nel mondo degli studi passati per ammirare tutte le bellezze artistiche, sia a livello architettonico, sia pittorico che fotografico e via discorrendo. Le descrivo in scrittura. Viaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.