Prima regia teatrale (firmata) per Massimo Ghini che ha debuttato ieri sera al Politeama Rossetti di Trieste con la sua “Un’ora di tranquillità”, di cui è anche protagonista e che è in scena da ieri appunto fino a domenica 12 Febbraio.

‘Un’ora di tranquillità’, testo del giovanissimo Florian Zeller e mai rappresentato prima in Italia, è una sfida vinta da Ghini che caratterizza bene i personaggi, anche grazie a un cast notevole: Galatea Ranzi, Claudio Bigagli, Massimo Ciavarro, Marta Zoffoli, Luca Scapparone e Alessandro Giuggioli.

Come è notevole pure la scenografia di Roberto Crea: due divanetti, scaffali con vinili appesi ai lati del palco, un grammofono al centro del palco e una finestra gigante che da su una magnifica proiezione del centro di Parigi e della Tour Eiffel.

Il cast di Un'ora di tranquillità. Regia di Massimo Ghini
Il cast di Un’ora di tranquillità

Parigi, città in cui è ambientata la piece e dove, passeggiando sulle rive della Senna un sabato mattina qualunque, il protagonista Michel (lo stesso Ghini) scova un vinile jazz praticamente introvabile.

Corso a casa, entusiasta di mettere al corrente la moglie dell’acquisto e desideroso di ascoltarlo quanto prima si trova però al centro di uno tsunami familiare e casalingo!

Era un tranquillo sabato mattina

Tra i lavori in casa per cui viene scelto un idraulico finto polacco, che evidentemente forse non è neanche un vero idraulico e che crea un gran trambusto…

Una moglie, Nathalie (interpretata dalla brillante Galatea Ranzi ) divisa tra l’essere glamour e un’emotività instabile, forse dovuta a un segreto mai confessato prima ma che chiede di essere confessato proprio in quel momento…

Un figlio punkettaro/metallaro, telefonino dipendente che vive ormai lontano da casa ma che desta molte preoccupazioni ai genitori, soprattutto alla madre: ottima è da dire l’interpretazione di quest’ultimo data da Alessandro Giuggioli…

A questi si aggiungono un vicino, vero polacco ma invadente (Bigagli), un amico bello ma traditore (Ciavarro) e una misteriosa figura in rosso, Elsa ( Marta Zofffoli)

Giocata su ritmo, equivoci e battute ben amalgamate nello scorrere della trama vengono a galla però incomunicabilità, sia di coppia che nel rapporto genitori-figli, nevrosi, gelosie e segreti….

Unico neo dello spettacolo? Gli effetti speciali, soprattutto sonori, un po’ troppo frequenti e non strettamente necessari

  • Articoli
Chi sono
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
×
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.