Entra nel vivo la programmazione della settima edizione di Concentrica – Spettacoli in orbita, un fitto calendario di appuntamenti che spaziano dal teatro alla musica live, fino alla danza contemporanea, organizzato dal Teatro della Caduta e realizzato in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo.

Dopo un ricco calendario di anteprime a Torino e dintorni, è arrivato il momento di Concentrica a scuola, che, dal 7 al 16 novembre, trasforma due storici edifici scolastici torinesi in spazi teatrali inediti.

Il dialogo e il confronto tra le vecchie e le nuove generazioni, di artisti e di spettatori, sono i temi centrali di Concentrica 2019, affrontati attraverso un innovativo progetto di programmazione; fino al 16 novembre, infatti, il meglio della scena italiana  contemporanea si affaccia su un paio di palcoscenici fuori dall’ordinario: il Convitto Nazionale Umberto I e l’ITIS Avogadro, due storiche scuole torinesi, eccezionalmente aperte al pubblico cittadino in orario serale, con cinque prime regionali in programmazione.

Il cuore del progetto è costituito dal ruolo degli studenti, che, adottando l’iniziativa, trasformano la scuola in un luogo aperto e in dialogo autentico con la cultura cittadina, diventano non solo spettatori, ma veri e propri co-organizzatori della kermesse.

Gli studenti delle due scuole accoglieranno gli spettatori prima dell’inizio degli spettacoli, accompagnandoli nella visita degli storici edifici, solitamente chiusi al pubblico, per scoprirne storia, segreti e curiosità; inoltre, sono già attivi due gruppi di lavoro con il compito di comunicare le iniziative attraverso reportage e interviste diffusi sui social network e sui canali web.

Gli spettacoli

I primi tre appuntamenti si svolgeranno al Convitto Nazionale Umberto I, a Torino: gli spettacoli andranno in scena nell’Aula Magna, per l’occasione trasformata in teatro.

Si inizia giovedì 7 novembre alle 21 con la prima regionale di Amleto Take Away della compagnia Berardi Casolari,  una rilettura del testo shakespeariano che gioca sui paradossi, gli ossimori e le contraddizioni del nostro tempo.

Il secondo appuntamento sarà venerdì 8 novembre alle 21 con l’attore e scrittore romano Claudio Morici e suoi 46 tentativi di lettera a mio figlio, una per ogni anno di vita dell’autore, scritte con l’ambizioso obiettivo di spiegare al figlio il senso della vita e soprattutto il perché della separazione dei genitori.

Sabato 9 novembre alle 21, in scena il teatro-danza di C&C Company con Beast without Beauty, una commedia dell’assurdo in cui parola, canto e movimento concorrono per raccontare fisicamente il male di vivere.

Cambio di location giovedì 14 novembre, quando gli spettacoli si sposteranno all’Istituto Amedeo Avogadro, una delle scuole più longeve di Torino; il palcoscenico previsto è la spettacolare aula Disegno 1, che domina i tetti di Torino con una superba vista sulla Mole Antonelliana.

Settanta volte sette è il nuovo spettacolo di Controcanto Collettivo, giovanissima compagnia romana, vincitrice di Teatri del Sacro 2019. La pièce racconta coralmente, attraverso le voci di sei personaggi, la vita di due famiglie i cui destini s’incrociano in una banale vicenda da cronaca nera. Ultimo capitolo di Concentrica a scuola sarà sabato 16 novembre alle 21 con la giovane compagnia milanese Teatro Linguaggicreativi, ev I ragazzi del massacro, tratto dall’omonimo romanzo di Giorgio Scerbanenco: si parla di una maestra assassinata dai suoi undici allievi della scuola serale, un giorno di maggio del 1968. Una piccola storia umana dentro alla grande Storia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.