La compagnia canadese Les 7 doigts de la main presenta al Politeama Rossetti di Trieste Cuisine et Confessions

Sono anni che il circo tradizionale è in crisi. Il pubblico non vuole più sentir parlare di animali in gabbia o addirittura maltrattati.

Questo mutamento porta quindi il circo ad interrogarsi sul suo futuro dovendo offrire alle nuove generazioni di artisti circensi una chiave di lettura più moderna, più completa ed altamente specializzata che porti ad un Rinascimento del circo.

Ecco quindi che, in questo processo rinascimentale, il circo recide il cordone ombelicale con i tendoni andando ad utilizzare anche spazi come i teatri.

Cuisine & ConfessionsProprio in questo contesto si colloca lo spettacolo Cuisine et Confessions della compagnia canadese Les 7 doigts de la main, firmato da Shana Carroll e Sébastien Soldevila ed ispirato al libro ‘Young and Hungry’ di Suzanne Taylor.

Uno spettacolo di un nuovo tipo, in cui il tatto, l’olfatto ed il gusto si sommano alle meraviglie che giungono ad occhi ed orecchie, facendo della cucina il loro punto di incontro.

La novità la troviamo già all’ingresso in sala dove si è accolti dagli artisti che prendono confidenza con il pubblico alternandosi allegramente tra sala e palco dove è allestita un’immensa cucina perfettamente attrezzata dove, durante tutto lo spettacolo, gli artisti-cuochi prepareranno pietanze che alla fine distribuiranno tra il pubblico.

In modo quasi impercettibile lo spettacolo inizia ma mai la quarta parete verrà rialzata, il contatto tra artisti e pubblico sarà continuo come se ci trovassimo tutti in un’immenso salone con altrettanto immenso angolo cottura.
E se la quarta parete non viene più rialzata è perché gli artisti parlano italiano.

Intendiamoci, non è la loro lingua : sono argentini, americani, canadesi, russi e chissà che altro ma si sforzano di parlare in italiano e questo atteggiamento non può che far nascere una spontanea empatia con il pubblico.

In questo ritrovo tra amici si ride tanto ma non solo, perché lo spettacolo è un fantastico susseguirsi di segreti d’infanzia, di ricette, di poesia in movimento (meravigliose le coreografie della pluripremiata Shana Carroll), di acrobazie mozzafiato ed anche momenti toccanti, come quando si affronta il tema dei desaparecidos argentini.

Cuisine & confessions è interpretato da Melvin Diggs, Mishan Ferrero, Anna Kichtchenko, Camille Legris, Anna Kachalova, Matias Plaul, Pablo Pramparo, Nella Niva.

Al Politeama Rossetti di Trieste fino al 9 gennaio un festino a cui è impossibile mancare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.