Denaro, potere e sensualità … in poche parole : La Locandiera

4372

Chissà se Goldoni avrebbe potuto immaginare una Mirandolina più sensuale e dominatrice di quella interpretata da una vivacissima Nancy Brilli ne “La Locandiera” che ha esordito al Teatro Manzoni di Milano Martedì 8 Gennaio sotto l’ abile regia di Giuseppe Marini.

- Advertisement -

Mirandolina (Nancy Brilli), giovane e attraente padrona di una locanda che gestisce con l’aiuto del cameriere Fabrizio (Andrea Paolotti), è assai ammirata e corteggiata dai suoi clienti e si diverte a civettare amabilmente con loro. Tra questi abbiamo il ricchissimo ed estroverso Conte di Albafiorita (Maximilian Nisi) pronto a sperperare tutto il suo patrimonio per riempirla di doni. Accanto al Conte, abbiamo la figura del Marchese di Forlipopoli (Fabio Bussotti), spiantatissimo nobile che ha perso tutti i suoi averi, ma che cerca di conquistare la locandiera con il suo antico titolo.

A un certo punto, però, si trova alle prese con un Cavaliere particolarmente scontroso e misogino, il Cavaliere di Ripafratta (Claudio Castrogiovanni), che la tratta sgarbatamente e che deride continuamente gli altri ospiti per le loro svenevolezze, mostrandosi così il solo uomo immune al suo fascino.

Ferita nell’orgoglio, la bella locandiera si arma allora di una fredda strategia seduttiva che farà capitolare il Cavaliere.

Messa in scena al Teatro Sant’Angelo di Venezia nel 1752, La Locandiera segnò il pieno compimento della riforma goldoniana, in quanto commedia basata su un testo scritto e non sulle improvvisazioni della Commedia dell’Arte.

Giuseppe Marini mette in luce i conflitti tra aristocrazia e borghesia e, soprattutto, una modernissima quanto spietata lotta fra i sessi. Una battaglia dove la nostra protagonista, una sorta di Circe, una strega ammaliatrice, trova il suo terreno si applicazione preferito. Ed in questa sterilità di sentimenti che il desiderio riemerge nella sua eccezione più forte e violenta, mantenendo la vena comica e sarcastica del capolavoro Goldoniano.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.