Dignità Autonome di Prostituzione, torna in scena a Roma, continuando a mietere successo, questa volta sotto lo sguardo di un Mastroianni, una Cardinale un Burt Lancaster e di tutti quei grandi che sono passati, o erano di casa, negli studi di Cinecittà.

Ancora per due sere, questa e quella del 1°Agosto, presso gli studios di Cinecittà, il format di Luciano Melchionna e Betta Cianchini, con la regia di Luciano Melchionna: Dignità Autonome di Prostituzione.

Noi della webzine, avevamo già seguito alcune delle loro incursioni romane, qui e anche qui, ma anche stavolta non potevamo non  fare un salto e vedere con i nostri occhi cosa si sono inventati quest’anno.

Come era prevedibile l’aspettativa si è lasciata sorprendere dalla realtà!

Questa volta è un enorme tendone a riprodurre la casa chiusa di DAdP, ne risulta un gigantesco circo, dove si alternano bizzarri giocolieri, trapezisti e sciantose discinte, il tutto coordinato dal papy Luciano.

Il format mantiene la stessa formula: al botteghino vengono consegnati dei dollari, una volta dentro il bordello  il pubblico contratta la prestazione dell’artista e raggiunto l’accordo ci si apparta per la performance.

Per essere ancora più chiari: il pubblico contratta con l’attore un prezzo al raggiungimento dell’accordo l’attore concederà al suo pubblico l’interpretazione di un monologo.

Se il format conserva la sua struttura, diversi sono i monologhi e le performance che si alternano rispetto alle altre edizioni.

Tra gli artisti che abbiamo avuto modo di incontrare ci sono volti come quello di Antonella Elia; ma anche nostre conoscienze come Enrico Sortino e Gioele Anastasi, ragazzi di cui ci innamorammo per Io Niente con Nessuno Mai Avevo Fatto

La grande metafora di Dignità Autonome di Prostituzione, legata alla mercificazione del tutto, è volutamente provocatoria, non mancano i riferimenti all’attualità che fanno sorridere, tra un doppio senso e l’altro.

In Dignità Autonome di Prostituzione, siamo circondati da maschere in questo circo ricco di sfumature: c’è il delirio, c’è la tristezza, ma anche la follia.

Uno spettacolo spettacolare, dove il pubblico si riconferma protagonista della perfomance, e dove i ruoli si ribaltano e il filo conduttore è la spettacolarità stessa.

 

  • Articoli
Chi sono
General Manager, Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Linamaria Palumbo. Siciliana di nascita romana d’adozione, triestina per residenza. Laureata al DAMS di Palermo. Si occupa di blog di social e contenuti digitali. Ama le belle storie. Spesso le si “chiude la vena” per gli argomenti che l’appassionano, ma nulla di violento. Da sempre risponde a domande che nessuno le ha mai posto.
×
General Manager, Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Linamaria Palumbo. Siciliana di nascita romana d’adozione, triestina per residenza. Laureata al DAMS di Palermo. Si occupa di blog di social e contenuti digitali. Ama le belle storie. Spesso le si “chiude la vena” per gli argomenti che l’appassionano, ma nulla di violento. Da sempre risponde a domande che nessuno le ha mai posto.
Latest Posts
  • foto La classe operaia
  • Momix
  • Sanremo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.