FLUSSI E RIFLUSSI…

MAREE DELLA MEMORIA

Identità, migrazione e nuove diaspore nel film di Luisa Mariani
 

Un’intervista, due domande, una marea di interrogativi. L’incontro di Luisa Mariani, regista ed autrice – insieme a Giovanni Pirri – con William Kentridge e la sua straordinaria opera Triumphs and Laments sui muraglioni del Lungotevere, dà vita al cortometraggio Flussi e Riflussi… 

Alcuni giorni fa si sono girate le scene clou, su un battello del Tevere fra Ponte Sisto e Ponte Mazzini e davanti ai murales di Kentridge.

La memoria e la sua impermanenza diventano il perno attorno al quale ruota il viaggio emozionale di Lián Méng, interpretato da Valerio Zeng e di Abir, impersonata da Nada Saad Ismail, italiani di seconda generazione appartenenti a etnie differenti.

Insieme ai narratori Maria Monti e Mario Valdemarin, troviamo Violetta Chiarini nelle vesti  dell’Attrice del Fiume, la regista Mariani, Michael e Marina Barranger che rappresentano il Coro di Reminiscenza Greca e Leonardo Zeng nei panni di Xing Méng, altro italo-cinese di seconda generazione.

Il tema dell’identità si mischia così con quelli della multietnicità e delle migrazioni. Da Londra arriva l’attore italo-inglese Simon d’Aquino nei panni di se stesso, rappresentante di una nuova diaspora.

La vicenda vira verso il fantastico, basandosi sulla paura di perdere l’identità e i mille volti della memoria. Fino a che punto può spingersi l’uomo per non lasciare alla deriva una storia che si sviluppa tra radici e semi, tra partenze e arrivi?

Dove il tempo diventa traghetto per la trasformazione?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.