“La cosa giusta”, così si chiama il tour che sta portando Daniele Silvestri in giro per l’Italia per una estate, insperata e sorprendente, di musica dal vivo.

Un tour che l’ha portato giovedì anche a Grado, per il secondo appuntamento della ventiquattresima edizione del Festival Onde Mediterranee.

Grazie non è solo una parola. E’ un sentimento vero, profondo che nutro in questi giorni per il pubblico che ci viene a vedere. Ci vuole voglia, ci vuole anche un po’ di coraggio

La cosa giusta tour

Tornare subito in sella, come dopo una caduta da cavallo, – in questo caso un periodo di crisi che affligge tutto il settore artistico-, ricercare e ritrovare il contatto e lo scambio di energia con il pubblico.

Una scelta che, dicevamo, implica anche una dose di coraggio, sia da parte degli spettatori che dagli artisti.

Coraggio premiato dall’accoglienza e dal calore del pubblico, parte attiva della performance sin dall’inizio e lungo tutto il concerto di quasi tre ore, con una serie (che sembrava quasi infinita) di bis.

Come a non volerlo lasciare andare, a riprova di quanto il pubblico di Onde Mediterranee sia affezionato al cantautore e quanto sia atteso ad ogni esibizione in queste zone.

Se, come afferma Silvestri a conclusione di Io non mi sento italiano, in un omaggio a Giorgio Gaber, ci si sente un po’ più orgogliosi a pensare a individui come Giulio Regeni, da spettatori ci si sente orgogliosi ad ascoltare un artista, cantautore e cantastorie come Silvestri.

Canzone civile

Un artista che, anche se non si è fan della prima ora, non si può non ammirare per l’impegno in quello che è un concetto articolato: quello di “musica civile”.

Così come il teatro civile si interroga sull’attualità lasciando una riflessione così fa l’opera di Silvestri (come di altri colleghi, e amici, come Niccolò Fabi).

Una personalità come quella di Silvestri non può che inserirsi perfettamente nello spirito di Onde Mediterranee: di ricerca, di impegno civile, attualità e solidarietà.

Ecco quindi in scaletta brani storici, pezzi improvvisati e scelte durante le prove del pomeriggio e le perle sanremesi.

Tra i primi brani interpretati infatti emoziona una versione molto particolare di “A bocca chiusa” che ricorda quanto la musica vada oltre: oltre i confini, oltre le difficoltà, oltre ai silenzi, oltre alla distanze culturali, e ora come ora, anche fisiche.

Versatilità di intenzioni e suoni

Talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, elementi diversi come diverse sono le sonorità presenti nel live di Silvestri: ritmi latinoamericani si mescolano a vibrazioni elettroniche, che esplodono dopo un inizio intimo voce e tastiera.

La band che lo ha accompagnato a Grado è formata da Piero Monterisi (batteria), Gabriele Lazzarotti (basso), Gianluca Misiti (tastiere e sintetizzatori), Daniele Fiaschi (chitarre), Marco Santoro (fagotto e tromba), Jose Ramon Caraballo Armas (tromba e percussioni), Duilio Galioto (tastiere).

Senza di voi non potei essere qui, a vantarmi di averci creduto, e di averlo fatto insieme agli amici di sempre

“Ogni serata è diversa, alcune sono più diverse delle altre”

Amici, alcuni storici che con Silvestri condividono il palco da trent’anni, e nuovi.

Come amici sono Paola e Claudio Regeni, i genitori di Giulio, a cui il Festival è dedicato da tre anni a questa parte e a cui è stato dedicato il concerto.

I due sul palco hanno srotolato insieme al cantautore lo striscione che chiede verità e giustizia per il figlio e hanno condiviso alcuni versi da Il mio nemico, testo scritto da Silvestri vent’anni fa ma sempre attuale.

Un tema, quello della ricerca di verità e giustizia, che si fa fil rouge dell’intero concerto per un’altra vicenda per alcuni versi simile ma in altri tratti molto diversa.

In chiusura infatti spazio a “L’appello” che ben esprime e a tratti grida ancora la necessità di verità sulla strage in cui morì Paolo Borsellino ventotto anni fa.

L’ultimo appuntamento di Onde Mediterranee è fissato per domani, 9 agosto, con Max Gazzè in Piazza Grande a Palmanova.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.