E’ andato in scena sabato 24 e domenica 25 ottobre al Teatro Miela di Trieste il reading musicale tratto dall’omonimo romanzo di Pino Roveredo.

E’ dedicato a tutti gli ultimi e penultimi in classifica, il reading musicale “Mastica e sputa”, andato in scena per la prima volta quest’estate all’interno del Lunatico Festival e riproposto questo weekend al Teatro Miela di Trieste.

Tratto da un testo di Pino Roveredo e messo in scena grazie all’adattamento della compagnia del Pupikin Kabarett, il reading mette in scena storie di sofferenza, rabbia e di emarginazione e da voce a chi non ne ha, in particolar modo a quelli che fanno fatica a scrollarsi di dosso il fardello degli sbagli e a quelliche continuano poi per anni ad essere vittime delle etichette imposte dalla società.

Ci sono i ragazzini, quelli nati nel dopoguerra, costretti a vivere in un istituto per poter ambire a un tozzo di pane in più. E poi ci sono gli alcolisti, quelli che hanno iniziato a 14 anni e quelli che invece hanno iniziato più in là con l’età .

Ci sono donne fragili che non riescono a scrollarsi di dosso un passato coniugale violento e prevaricante e continuano a vivere nel rimpianto di chi non c’è più. E poi c’è Pino, il quale fra un intermezzo musicale e un altro eseguiti brillantemente da Riccardo Morpurgo, racconta di sè stesso, della sua strada fatta di salite e di discese, del suo passato da “matto” e da “ragazzo difficile” e poi del suo periodo adulto da alcolista.

Racconti lucidi e crudi che arrivano driti al cuore e alle coscienze con un tono ironico e mai giudicante.

Oltre a lui, gli attori del Pupkin Kabarett (Laura Bussani, Stefano Dongetti e Alessandro Mizzi) ci accompagnano in un viaggio strampalato, fatto di musica, parole e emozioni che non possono lasciarci indifferenti, facendoci anche riflettere sul senso di quei famosi versi di De Andrè, dai quali è tratto il titolo del reading e dell’onomimo romanzo di Pino Roveredo: “Mastica e sputa da una parte il miele mastica e sputa dall’altra la cera.”

[Proprio mentre stiamo scrivendo queste parole, il nuovo DCPM ha annunciato una nuova chiusura di teatri e cinema. Ci auguriamo che sia solo una parentesi breve e che la cultura possa ripartire.]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.