Il “MORGAN pensiero” degli AMICI di Maria

1661

Anche la seconda puntata del serale di AMICI, conquista il podio decretando un record di ascolti, in prima e seconda serata sul canale5 della rete ammiraglia Mediaset.

Guest star della serata, dopo l’esordio del pluripremiato attore e produttore, Luca Zingaretti, amatissimo commissario nella serie Montalbano, è la volta della icona hollywoodiana, Matthew Raymond ovvero Matt Dillon, reso celebre per le sue interpretazioni nelle pellicole cinematografiche di, I Ragazzi della 56° Strada, Rusty il selvaggio, Drugstore Cowboy e Crash.

- Advertisement -

Nell’atmosfera del significato dei colori attribuito alle due squadre in gara, introdotti dai comici , Luca e Paolo, citati nel nostro precedente articolo, fanno capolino i protagonisti delle squadre , blu e bianca, sempre più agguerrite a rischio di eliminazione.

Per quanto le performance dei talentuosi, di volta in volta , ricevano i consensi dei membri della Giuria , Eleonora Abbagnato, Ambra Angiolini, Ermal Meta e Morgan, come capita al ballerino Sebastian, lirico e iconoplastico, apprezzato dalla ètoile Abbagnato, forse più dello stesso Oliviero, di estrazione accademico-classica, pervade nell’aria, un alone di irrequietezza, a volte fondata, a tratti di discutibile  opinione, del “MORGAN pensiero”.

La sua innata capacità verbale-lessicale, ricca di contenuti, pari ad uno Sgarbi della musica, talvolta logorroica, ma sempre  critically correct, rompe gli schemi del gioco tanto caro a Maria De Filippi, introducendo spunti di riflessione mai banali.

Una nota di demerito che lui stesso si pone ed attribuisce, è , nel non essere riuscito, nel breve tempo a disposizione ad entrare in sincronia con lo Strego cantante, eliminato, a cui, nemmeno l’interpretazione teatrale del brano Pinocchio, gli è valsa l’opportunità di salvarsi dalla esclusione del programma.

 Ma, un talento vero c’è , ed è evidente, ma sembra che si voglia tenerlo sommesso, un po’ in segno di protezione, forse per la giovane età, 16 anni, in parte, anche per rischiare di non “bruciarlo”.

E se, al giudice Ermal Meta, non convince l’interpretazione rap di Thomas cantante, è nella performance con Morgan e Boosta, che , “Topolino”, come è stato soprannominato Thomas, esce ancora allo scoperto e vince.

Altro che Topolino! Con la sua cresta di capelli leonina, una presenza scenica, in parte già costruita, capacità di movenze funky, ed un volto internazionale, è candidato a diventare il beniamino delle teenagers, e potenziale  vincitore del programma.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.