Profuganze è il titolo della nuova coproduzione Studio Giallo, Università Popolare di Trieste, CSS- Teatro Stabile di Innovazione del FVG e il Teatro Stabile Sloveno, dove ha debuttato il 30 marzo, con replica ieri 31.

Profuganze è uno spettacolo- o meglio sarebbe dire recital– creato a quattro mani da Maurizio Soldà e Pino Roveredo che prende spunto dal fenomeno migratorio per tracciare una storia che non si limita a quella ‘società liquida’- che Soldà cita nel corso dello spettacolo- e i suoi movimenti, ma che va a fondo nei sentimenti e nelle emozioni di chi quelle migrazioni le vive o le ha vissute.

PROFUGANZE: PROFUGHI E TRANSUMANZA

Profuganze è un titolo strano per uno spettacolo ma nasce da un neologismo creato da Carlo Sgorlon coniugando le parole “profugo e transumanza” per definire quel fenomeno che affonda le radici nel dover migrare e allontanarsi dalla propria terra per cercare una vita migliore ma che assume i connotati delle bestie che migrano.

Profughi, come dicono Soldà e Roveredo, sono stati in primis Adamo ed Eva, scacciati dal proprio territorio a causa del peccato originale.

Essi non sono che i primi di un grandissimo numero di persone che col ritornello ‘sciò sciò’ si sono dovuti allontanare dai loro territori e dalle loro nazioni perché non graditi ai governi di turno o per altre motivazioni.

Se Soldà traccia la parte più storica con l’ironia di un pensionato dedito al ciclismo, la parte più emozionale è invece destinata a Pino Roveredo, in un ruolo a lui nuovo quello di attore che legge

Cosa siamo, dove andiamo, cosa facciamo, e come pensiamo, viviamo, respiriamo, ma soprattutto, cosa contiamo? Esistiamo, non esistiamo? Dove finiremo? Dove moriremo? Ma un giorno può essere che torneremo? Bottino di guerra, merce di scambio, figli inconsapevoli e incolpevoli della sconfitta? Siamo vergogna, siamo disturbo, siamo bestemmia, o siamo il fastidio della polvere da nascondere sotto il tappeto?

[…] Profughi, come se fosse una colpa da pagare, una vergogna da scontare, una cattiva educazione da sopportare!

A Roveredo spetta anche una riflessione ancora più importante: “La bellezza salverà il mondo” diceva Dostoevskij e invece no, non è quello che salverà il mondo.

Ciò che salverà il mondo è l’educazione, un’educazione alla solidarietà, al guardare al vicino anche solo per cinque minuti con occhi diversi.

Ad accompagnare Soldà e Roveredo, Mariano Bulligan. Una mescolanza di radici anche per lui che passa dai classici all’improvvisazione contemporanea passando dal violoncello classico a quello elettrico.

Uno spettacolo in cui ognuno degli spettatori può cogliere qualcosa di diverso e tornare a casa arricchito da ciò che gli è più utile, che necessita di qualche replica per rodare e diventare più scorrevole

“Siamo tutti profughi, o potremmo sempre esserlo, perché il mondo gira in fretta, e si porta dietro i destini umani.”

  • Articoli
Chi sono
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
×
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.