Succedono cose strane là fuori, questa è New York City succedono sempre cose strane. 

Se ancora non vi siete stancati di virus e vampiri allora non perdetevi, quando arriverà in Italia, una nuova serie televisiva statunitense horror che negli USA sta ottenendo ottimi ascolti, ricevendo recensioni positive anche dalla critica. La serie ha debuttato il 13 luglio 2014 sul canale FX. Il titolo originale è The Strain, trilogia vampiresca scritta a due mani da Guillermo Del Toro, regista e sceneggiatore di grandi successi cinematografici e Chuck Hogan sul romanzo La progenie.

L’epidemiologo Ephraim Goodweather, padre separato di un bambino, interpretato dall’attore Corey Stoll (il deputato Russo di House of Cards)capo del Team Canary del Centro per il Controllo delle Malattie Infettive di New York City e il suo team di cui fa parte Nora Martinez, interpretata da Mia Maestro, vengono chiamati a investigare su uno strano cosa.

Un aereo atterra al John F. Kennedy International Airport con le luci spente e le porte sigillate. A bordo dell’aereo ci sono centinaia di morti e solo quattro sopravvissuti. Sembrerebbe un caso di epidemia virale, ma la situazione peggiora e diventa più intricata  quando i corpi cominciano a scomparire dagli obitori.

Eludendo i controlli una misteriosa e antica cassa viene trasportata fuori dall’aeroporto. Cosa conterrà? Quali segreti si celano al suo interno?

Una malattia si sta diffondendo a New York, forse anche al di fuori. Questa piaga è responsabile di misteriose sparizioni e le autopsie che vengono effettuate sulle vittime mostrano questo virus che cambia il corpo dell’ospite insinuandosi inesorabilmente tramite una violenta metamorfosi degradante. Una abnorme massa fuoriesce dalla gola e forma una specie di aculeo, attraverso il quale l’aggressore infetta mediante un verme bianco parassita. Il virus trasforma la popolazione in vampiri. La caratteristica di questa maledizione oscura è che il legame che unisce nella vita, l’amore umano, diventa il bisogno di “ consumare” le persone più care.

Il dottor Goodweather si prodiga per capire la natura della malattia, ma quando la situazione diventa più misteriosa, senza alcuna spiegazione viene allontanato e screditato dai suoi superiore; grazie però all’aiuto di un piccolo gruppo di volontari continua il suo lavoro di ricerca e così si ritrova a combattere un antico male che minaccia non solo la Grande Mela, ma l’intera l’umanità.

L’unico a conoscenza della verità è il “professore” Abraham Setrakian A 230385, numero che porta tatuato al braccio, interpretato dall’attore David Bradley, l’Argus Gazza di Harry Potter o il più recente Walzer Frey del Trono di Spade,titolare di un negozio di pegni che diventerà il rifugio dell’improbabile squadra di acchiappa vampiri.

(Il numero A 230385 potrebbe avere un significato importante per i due co-autori della serie).

Abraham Setrakian è un ebreo sopravvissuto al Campo di concentramento di Treblinka, il secondo campo di sterminio per numero di vittime, ultimo lager ad entrare in funzione di un gruppo di quattro campi aperti dai nazisti dal 1941 al 1942 nell’est della Polonia occupata. Con dei flashback racconta la sua vita prima di approdare a New York, da deportato a cacciatore di vampiri, un moderno Gabriel Van Helsing armato di una spada con la lama d’argento, che non ha mai smesso di combatte l’oscuro male.

Abraham, durante la prigionia nel lager è stato l’intagliatore della misteriosa cassa commissionatagli dal suo aguzzino, un individuo misterioso di origine tedesca, un vampiro, esecutore materiale delle volontà del Maestro, Thomas Eichhorst, interpretato dall’attore Richard Sammel.

Del gruppo dei valorosi combattenti fa parte anche Vasiliy Fet, l’attore Kevin Durand, un disinfestatore di ratti, l’unico che conosce bene le gallerie sotterranee della metropolitana di New York.

Armati di proiettili d’argento, di una grande forza di volontà e di spirito di adattamento, intraprendono  una vera e propria crociata contro le Tenebre.

Ci sono antiche profezie, un Gran Maestro che vede attraverso le sue creature, il fuoco purificatore, un’eclissi solare presagio di catastrofi, la grande chimera dell’immortalità, alla quale aspira un anziano miliardario gravemente malato Eldritch Palmer, interpretato da Jonathan Hyde.

Un esercito di “trasformati” che combatte i loro simili per un misterioso scopo.

Non mancano elementi delle moderne tecnologie come gli hacker: “I cittadini per la Libertà”.

Gli elementi per una serie Horror ci sono tutti.

Si potrebbe avera l’impressione dell’ennesima rivisitazione del genere vampiresco, molto simile nella sceneggiatura a The Walking Deaddove al posto degli zombie ci sono i vampiri visto che anche qui troviamo un gruppo di persone che si coalizzano per combattere e insieme sopravvivere. Bisogna seguirla per vederne le differenze e valutarla per la sua originalità.

La serie è ben strutturata con una buona la fotografia e le musiche composte da Ramin Djawadi, che aveva già collaborato con del Toro per Pacific Rim. Da non trascurare il trucco dei vampiri e gli effetti speciali. La scenografia è l’intera città di New York.

I primi episodi partono con cautela, ma poi il ritmo diventa sempre più incalzante con molte scene di azione e suspance.

Del Toro  scrisse The Strain nel 2006 come serie televisiva. Successivamente, gli venne suggerito di scrivere dei libri tratti da questa serie. Per sviluppare questa nuova idea, chiese aiuto a Chuck HoganThe Town con Ben Affleck tratto dal suo romanzo Il principe dei ladri premio Hammett 2005, spiegando di voler dare alla serie un tono realistico.

Guillermo Del Toro e Chuck Hogan collaborarono alla stesura del progetto per il primo anno senza un contratto o un accordo con un editore. Declinarono tutte le proposte per non essere influenzati dalla trasposizione mentre ancora erano impegnati nella stesura dei libri.

Del Toro afferma che i primi due libri possono essere adattati in una sola stagione, mentre Notte eterna potrebbe essere diviso in due o tre stagioni. Gli autori sono inoltre aperti a eventuali libertà creative che possano far proseguire la serie, incorporando anche elementi eliminati dai libri.

Il primo libro, La progenie (The Strain) è uscito nel 2009, poi da La caduta (The Fall) (2010) e Notte eterna (Night Eternal) (2011).

Solo dopo la pubblicazione del terzo libro gli autori iniziarono delle trattative con tutti i canali via cavo che avevano espresso interesse. La scelta è andata al canale FX ritenuto il più adatto perché acconsentì a seguire fedelmente i libri e concepì subito The Strain come una serie con un finale ben chiaro formata da tre a cinque stagioni. L’episodio pilota è stato girato da Del Toro stesso.

Il 6 agosto 2014 FX ha rinnovato la serie per una seconda stagione da 13 episodi.

Il primo poster della serie raffigurava un verme, portatore del virus, intento a scavare un’entrata dentro un occhio umano. In seguito a delle lamentele, FX ha provveduto a sostituire la locandina con un’altra meno cruenta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli interpreti principali sono:

Ephraim Goodweather, interpretato da Corey Stollepidemiologo a capo del Canary Team appartenente ai CDC di New York.

Abraham Setrakian, interpretato da David Bradley, sopravvissuto all’Olocausto di origine armena che gestisce un negozio di pegni a New York.

Nora Martinez, interpretata da Mía Maestro, epidemiologa che collabora con Goodweather.

Vasiliy Fet, interpretato da Kevin Durand, disinfestatore di topi di origine ucraina che ha rifiutato l’opportunità di studiare architettura alla Cornell University.

Eldritch Palmer, interpretato da Jonathan Hyde, anziano miliardario gravemente malato che aspira all’immortalità.

Thomas Eichhorst, interpretato da Richard Sammel, individuo misterioso di origine tedesca che ha avuto a che fare con Setrakian in un’altra vita nel campo di sterminio di Treblinka nel quale lui era un comandante nazista e Setrakian un prigioniero.

Jim Kent, interpretato da Sean Astin, amministratore dei CDC di New York e lavora con Goodweather e Martinez.

Augustin “Gus” Elizalde, interpretato da Miguel Gomez, ragazzo di origine messicana che vive con la madre e il fratello. Viene pagato da Eichhorst per trasportare la bara del Maestro.

Gabriel Bolivar, interpretato da Jack Kesy, è uno dei quattro passeggeri superstiti a bordo dell’aereo atterrato al John F. Kennedy International Airport, musicista rock dalle abitudini promiscue.

Kelly Goodweather, interpretata da Natalie Brown, è l’ex moglie di Ephraim.

Zach Goodweather, interpretato da Ben Hyland, è il figlio di Ephraim.

 

Buona visione e alla prossima serie!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.