“Trieste è bella di notte” in anteprima al Trieste Film Festival

54

In un confine interno dell’Unione Europea, quello tra Italia e Slovenia, pochi chilometri sopra Trieste, i migranti asiatici della rotta balcanica che riescono ad attraversare la frontiera rischiano di essere fermati dalle forze dell’ordine italiane e rispediti indietro fino in Bosnia, senza venire identificati e senza avere la possibilità di fare richiesta di asilo.

“Trieste è bella di notte”, il nuovo documentario di Andrea Segre, Stefano Collizzolli e Matteo Calore e prodotto da ZaLab Film (di cui segnaliamo gli interessanti titoli prodotti in questi anni) e Vulcano vuole dare la parola a chi queste migrazioni le vive quotidianamente sulla propria pelle, i migranti. Il documentario sarà presentato in anteprima il prossimo 22 gennaio in Selezione Ufficiale Fuori Concorso al 34. Trieste Film Festival.

Le loro storie si intrecciano con le immagini realizzate con i telefonini durante i lunghi viaggi e con le contraddizioni e il dibattito all’interno delle Istituzioni italiane. Intanto in una casa abbandonata a Bihać, in Bosnia, un gruppo di pakistani e afghani vuole partire, direzione Italia. Cosa succederà loro? Quale risposta daranno l’Italia e gli altri Stati europei? Continueranno a sfidare la loro stessa legge per respingere migranti considerati illegali?

“Trieste è bella di notte” uscirà poi nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 23 gennaio 2023, accompagnato da un tour con gli autori, distribuito da ZaLab Film.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.