Cabaret, il musical prodotto dalla Compagnia della Rancia, riportato in scena per la terza edizione e che ha aperto giovedì l’omonima stagione del Teatro Rossetti di Trieste si riconferma uno spettacolo che cattura ed emoziona il pubblico e con un finale d’impatto che anche alla terza visione mette ancora i brividi.

Giampiero Ingrassia in Cabaret al Politeama Rossetti © Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine
Giampiero Ingrassia

La semplicità della stanza di Cliff, il sipario che non è che un telo che si alza e abbassa, con movimentazioni a vista per creare l’effetto “teatro nel teatro” dimostrano che non servono, o meglio non bastano nel panorama del musical solo lustrini e comicità ma che se si punta sulla struttura dei personaggi, sulle coreografie ben studiate e anche sulle traduzioni si può ottenere un ottimo risultato!

La regia essenziale ma efficace di Saverio Marconi, con la scenografia di Gabriele Moreschi e le coreografie di Gillian Bruce, si dimostra quindi alla fine il punto di forza del musical mettendo il risalto lo spessore dei personaggi e l’intensità della storia e delle canzoni.

Giulia Ottonello in Cabaret al Politeama Rossetti © Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine
Giulia Ottonello

Sempre ottimi per voce e capacità interpretativa Giampiero Ingrassia e Giulia Ottonello, Maestro di Cerimonie (e “Caronte” nel Kit Kat Club e nella Storia) sopra le righe l’uno, ragazza ingenua l’altra ma entrambi con una malinconia e una disperazione quasi commoventi.

Interessante con il ricambio del cast maschile l’avvicendamento di Alessandro di Giulio dal ruolo di Ernst Ludwig a quello di Cliff Bradshaw, scrittore americano ed interesse amoroso di Sally Bowles e il passaggio di Andrea Verzicco dal ruolo di marinaio a quello di Ludwig, il Cattivo della storia: passaggi di ruolo non semplici e che mettono ben in evidenza le loro capacità attoriali nel rivestire due ruoli agli antipodi.

Un applauso anche al resto del cast, di prim’ordine: Altea Russo (Fraulein Schneider), Michele Renzullo (Herr Schulz) e i/le ballerini/e del Kit Kat Club: Marta Belloni, Ilaria Suss, Nadia Scherani, Valentina Gullace, Matteo Tugnoli e Marco Rigamonti.

Perché il mondo non può vivere e lasciar vivere?!

Cabaret: da vedere per riflettere sull’attualità di questo messaggio, sempre!
  • Articoli
Chi sono
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
×
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.