Continuamente danza. L’infinito in corpo di Nuria Sala e Michela Bianchi

1017

Forse sarà mia la sacra missione di guidare i primi passi della danzatrice del futuro; di sorvegliare giorno per giorno il progresso dei suoi movimenti finché diventeranno divini, rispecchiando in sé le onde, i venti, i movimenti delle cose che crescono e infine il pensiero dell’uomo nel suo rapporto con l’universo.

(Isadora Duncan)

La casa editrice MC, nella collana “Il lampionario” ha dato alle stampe il pregiato volume illustrato (120 pagine; prima edizione marzo 2013) “Continuamente danza. L’infinito in corpo” per rappresentare al meglio una delle arti più antiche, un atto di creazione, una forma dell’esistenza e anche una forma di pensiero che si incarna nel corpo.

Ed è proprio sulla danza come “scrittura del corpo” che questo libro si sofferma e indaga, attraverso un percorso originale che nasce dal rapporto diretto con chi la danza la pratica e la elabora, e porta il lettore a stretto contatto con il gesto e il movimento.

Continuamente danzaIn questo senso il progetto grafico è stato pensato per rendere la poetica e l’intelligenza del gesto, la tensione del corpo in movimento e la sua capacità di dilatare lo spazio e oltrepassarlo. Ciò grazie alle suggestive immagini dell’artista Francesco Santosuosso e alle illustrazioni degli allievi dell’Istituto Europeo di Design di Milano che hanno lavorato, a partire dai testi, sotto la sua direzione.

Questo libro si interroga su cosa sia oggi la danza per noi e cosa possa offrirci oggi quest’arte: lo fa ricordando a grandi pennellate le tappe della sua storia, in un continuo rincorrersi tra passato e presente; e sostando su quella rivoluzione novecentesca che ha portato in occidente una profonda riflessione sulla corporeità, sulla centralità della danza e sul recupero della suo aspetto sacrale.

Dedica molto spazio alle tante forme di ricerca nella contemporaneità, anche dialogando con importanti critiche, ricercatrici e docenti italiane, come Eugenia Casini Ropa, Elisa Guzzo Vaccarino e Marinella Guatterini.

La presente pubblicazione ha voluto dare finalmente la parola a chi danza: Nuria Sala, danzatrice, coreografa e docente di danza indiana Bharatanatyam, racconta e si racconta, partendo dalla sua esperienza e ispirando il lavoro di illustrazione degli allievi dello IED.

I testi di Michela Bianchi, ideatrice e curatrice, tengono il filo di una narrazione capace di mostrare le diverse dimensioni della danza e di indicare la sua verticalità.

La casa editrice

La MC Editrice è la Casa Editrice del dialogo interculturale, che pubblica a Milano libri di filosofia, antropologia, sviluppo sostenibile, acqua, teatro e per ragazzi. Nasce nel 1994 il lavoro informativo di MC che dal 2001, con il progetto presentato al Salone di Francoforte, si concentra principalmente sulla produzione editoriale. Raccogliere i saperi, le produzioni, le trasformazioni delle “periferie” del mondo è quanto MC si propone come suo progetto editoriale.

Libri di filosofia, antropologia, economia, diritto, ambiente, viaggi e turismo sostenibile; testi di e per teatro; saggi, letteratura, poesia.

In quell’ottica interdisciplinare e interculturale che da sempre caratterizza l’approccio conoscitivo di MC.

Inoltre, due collane per ragazzi improntate ad un assiduo lavoro interculturale, con la collaborazione di artisti e scrittori di varie parti del mondo: libri-laboratorio per ragazzi, insegnanti e operatori culturali.

Al tema dell’acqua, risorsa vitale, bene sacro e in comune, al diritto all’acqua e alle lotte per contrastare le mercificazioni che si stanno consumando, è dedicata una apposita collana, “Hydor”. La collana “La Via” (Cultura, industria, antropologia del viaggio), attraverso approcci e registri diversi, intende raccogliere i tanti sguardi verso quell’uomo viaggiatore che deve continuamente aprirsi alle differenze e mettere in gioco tutta la questione del senso.

E può, forse, rappresentare il riferimento di una nuova etica, oltre le garanzie del diritto territoriale e dell’identità. Collana di antropologia, sociologia, politica e filosofia politica, “Esse” (la consonante che in sanscrito significa “legame”) esplora la via del soggetto e della relazione, della filosofia come pratica concreta.

La collana “Esse – Teatro del possibile”, testi teatrali che si aprono e “si affidano” alla relazione con il lettore, svelando le sconfinate possibilità di dialogo del libro. Il titolo “La relazione terapeutica” apre poi la nuova collana Esse – Quaderni Genovesi di psicoanalisi. Particolare cura e attenzione ai libri per ragazzi e sognatori delle collane “Il Lampadario” e “Un mondo suonato”: il lavoro interculturale vede qui la costante collaborazione di artisti e scrittori di varie parti del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.