Oscillazioni

 

La vita è una continua oscillazione alla ricerca dell’equilibrio.

 

Una significativa riflessione sull’attualità, sui tormenti dell’animo umano, sulla paura e sul senso di inadeguatezza dell’individuo nell’affrontare situazioni e assumersi le proprie responsabilità.

La vita è una questione di conti che si fanno prima o poi con se stessi.

Sono questi i temi dello spettacolo Oscillazioni ,  interpretato da Daniele Tammurello.

Un ragionamento a voce alta, nelle vesti di un uomo di età matura, affrontato con carta e penna alla mano e sigaretta accesa. Ma non è solo una questione di numeri, a sostegno ci sono parole di pessimismo che includono l’impossibilità ad amare, parole che non vedono futuro e che si fanno sempre più incalzanti in un crescendo rabbioso mostrandone le dovute ragioni.

Una moglie abbandonata da sette anni e un figlio non riconosciuto, ma la vita è una questione di libertà, basata su scelte di cui il “no” ne è parte e la massima espressione. Una concezione questa, su cui si incentra la visione di famiglia come trappola: figli che uccidono genitori, genitori anziani messi nei “trapassatoi” (case di riposo), matrimoni e famiglie costruite con l’inganno, coppie senza figli la cui assenza viene sostituita da animali domestici, principalmente cani, in cui non si distingue se è il cane ad essere umanizzato o è la coppia ad essere caneizzata.

Oscillazioni è un monologo coinvolgente in grado di catturare l’attenzione del pubblico sin dalle battute iniziali con l’ausilio di minimi ma efficaci elementi di scena, adeguati a delineare lo sviluppo della narrazione, fino al momento in cui il protagonista guardandosi allo specchio riconosce nel figlio i suoi stessi lineamenti e somiglianze: stesso viso, stesso naso, e “stessi” occhi.

 

[flagallery gid=370]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.