Al tempo dell’amore 3.0, forse la vecchia svagatezza e frivolezza delle pin up anni 50 potrebbe salvarci. Beatrice (la bravissima Barbara Russo) donna spontanea e svampita con un passato un po’ torbido irrompe in una casa in cui Carlo (un convincente Stefano Scaramuzzino) ha blindato la sua vita emotiva per paura di soffrire a seguito di delusioni amorose e rottura delle relazioni familiari. È questa la scena madre della commedia Se lo dice lei… tutto a posto!, in scena al teatro Agorà a Roma,  dal 7 al 17 Marzo.

Una casa 3.0, iperconnessa, dove la regina è la domotica, anzi Siri in persona, la più infallibile delle assistenti vocali, un robot per convivente (interpretato dalla camaleontica Licia Amendola) minimalismo e arredo ai minimi termini, fantasmagorie della tecnologia, nessuna traccia di empatia, tanto meno di calore femminile. L’intelligenza artificiale ha sostituito le relazioni perché Carlo è prigioniero delle sue insicurezze e paure, finché arriva la visita inattesa del fratello Marco (un passionale Claudio Scaramuzzino) e, tra una guerra senza fine di incomprensioni, la situazione prenderà una piega differente.

Se lo dice lei… tutto a posto! – Il cast completo

Carlo dovrà ricominciare a fare i conti con i suoi desideri sopiti e finora soddisfatti solo dall’intelligenza artificiale nei panni di una strana donna robot che interagisce con gli eventi, a gamba tesa, con le sue news googlizzate. Carlo, alla fine, scoprirà che la vita reale è molto meno noiosa di quella virtuale. La commedia sembra suggerirci che l’unico antidoto ad una società tanto digitale quanto artificiale è l’umanità, singolare, atipica, irrazionale.

Un cast davvero esplosivo, divertente, iperbolico ed esilarante e, tra risate e sentimentalismi da romanzo di genere, la tecnologia diventa complice delle stravaganze umane, mentre tutta la forza e l’efficacia dell’intreccio è sorretta dalle ancora più umane debolezze.

Dopotutto il teatro è ancora un avamposto dove la carnalità degli attori non può che essere vincente sulla virtualità.

Se lo dice lei… tutto a posto! – Locandina

  • Articoli
Chi sono
Sedicente eclettica e anticonformista, bourgeois, in senso habermasiano, intraprendente giocoliera in bilico tra yin e yang: ecco come amo definirmi al di là di ogni stereotipata classificazione demo-psicografica. Nata a Benevento, cittadina di cultura “catto-centrista”, allo scoccare della maggiore età, “emigro” nella capitale con la classica valigia in tetrapack (rivisitazione post-moderna della tipica dotazione in cartone da primo emigrante), piena di sogni e scommesse a lunga scadenza, che accompagna gli out–of-home students. Laurea in Scienze della comunicazione, dal marketing all’ufficio stampa al giornalismo fino alle strategie di digital branding la comunicazione quasi non ha più segreti per me. Scrivere è sempre stata la mia prima vera passione al pari della danza: la scrittura e la danza sono i veri amori della mia vita!
×
Sedicente eclettica e anticonformista, bourgeois, in senso habermasiano, intraprendente giocoliera in bilico tra yin e yang: ecco come amo definirmi al di là di ogni stereotipata classificazione demo-psicografica. Nata a Benevento, cittadina di cultura “catto-centrista”, allo scoccare della maggiore età, “emigro” nella capitale con la classica valigia in tetrapack (rivisitazione post-moderna della tipica dotazione in cartone da primo emigrante), piena di sogni e scommesse a lunga scadenza, che accompagna gli out–of-home students. Laurea in Scienze della comunicazione, dal marketing all’ufficio stampa al giornalismo fino alle strategie di digital branding la comunicazione quasi non ha più segreti per me. Scrivere è sempre stata la mia prima vera passione al pari della danza: la scrittura e la danza sono i veri amori della mia vita!
Latest Posts
  • Come va, va…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.